Italia markets close in 1 hour 50 minutes
  • FTSE MIB

    23.027,35
    -56,20 (-0,24%)
     
  • Dow Jones

    31.423,79
    +32,27 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.301,29
    -57,49 (-0,43%)
     
  • Nikkei 225

    29.559,10
    +150,93 (+0,51%)
     
  • Petrolio

    60,79
    +1,04 (+1,74%)
     
  • BTC-EUR

    42.408,68
    +1.466,90 (+3,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.020,82
    +32,73 (+3,31%)
     
  • Oro

    1.711,20
    -22,40 (-1,29%)
     
  • EUR/USD

    1,2060
    -0,0028 (-0,23%)
     
  • S&P 500

    3.860,50
    -9,79 (-0,25%)
     
  • HANG SENG

    29.880,42
    +784,56 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.707,93
    +0,21 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8635
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    1,1061
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5242
    -0,0029 (-0,19%)
     

Ecco le dieci principali questioni aperte sui mercati globali

Leo Campagna
·3 minuto per la lettura
Ecco le dieci principali questioni aperte sui mercati globali
Ecco le dieci principali questioni aperte sui mercati globali

Tra queste, secondo Esty Dwek (Natixis IM Solutions), l’efficacia del vaccino anti Covid-19, il proseguimento delle politiche monetarie e fiscali, le tensioni commerciali, la sostenibilità del rally di Borsa e il trend ESG

Un’analisi, in dieci punti, delle principali questioni aperte sui mercati globali guardando ai prossimi mesi. L’ha sviluppata Esty Dwek, Head of Global Macro Strategy, Natixis IM Solutions, partendo dal quesito che tutti si pongono: il vaccino anti Covid-19 funzionerà? “Non sarà certo una strada tutta in discesa ma la speranza è che una quota ampia della popolazione a rischio possa essere vaccinata entro l'estate in modo da poter iniziare a tornare alla normalità”, riferisce l’esperta che, relativamente alla ripresa economica, aggiunge: “Dopo un inverno lungo e doloroso, la crescita dovrebbe rimbalzare in maniera evidente a partire dalla primavera diventando autosufficiente”.

NESSUN RESTRINGIMENTO DELLA POLITICA FISCALE O MONETARIA

A questo proposito ci si chiede se potrà materializzarsi un restringimento della politica fiscale o monetaria. “È probabile che ci possa essere sia un ulteriore sostegno fiscale negli Stati Uniti, affiancato da interventi di altri governi di importanti paesi, sia un proseguimento della politica monetaria espansiva da parte della banche centrali. Non si può tuttavia escludere che la Federal Reserve possa iniziare ad un certo punto a ridurre il proprio programma di acquisti”, spiega Dwek che ritiene però improbabile un rischio inflazione negli Stati Uniti: “È vero che il sostegno fiscale e monetario è di ingenti dimensioni e che le misure fiscali hanno svolto una funzione sostitutiva del reddito, ma non di certo di miglioramento: questo rende poco probabile un incremento dei prezzi al consumo, specialmente con un mercato del lavoro ancora in fase di recupero. È però altrettanto vero che l'inflazione potrebbe raggiungere o superare temporaneamente la soglia del 2%, ma sarà interpretato come un fenomeno transitorio da parte della Fed”.

ANCORA TENSIONI COMMERCIALI TRA WASHINGTON E PECHINO

Un altro tema di rilievo riguarda le relazioni commerciali su scala globale. “Riteniamo improbabile un azzeramento di tutte le tensioni commerciali, in particolare tra Washington e Pechino, e non soltanto per quanto riguarda la sfera commerciale. Detto questo ci aspettiamo che il neo-presidente americano Biden proceda con una riduzione delle tensioni commerciali, soprattutto con gli alleati”, sottolinea l’Head of Global Macro Strategy, Natixis IM Solutions.

IL RALLY DI BORSA PUÒ PROSEGUIRE

Secondo Dwek, i mercati azionari potrebbero proseguire il rialzo grazie ai fondamentali, in miglioramento sulla scia delle aspettative di crescita ed utili (grazie alla diffusione dei vaccini), e al sostegno fiscale e monetario senza precedenti che dovrebbe proseguire. “Tuttavia, dal momento che la view ottimistica è ormai largamente condivisa dagli investitori, preferiamo mantenere una guardia alta per essere pronti a possibili correzioni”, argomenta Dwek, che poi parla della rotazione in atto a favore dei titoli ciclici: “Un movimento che potrà proseguire sebbene, dopo un po' di recupero, gli investitori guarderanno di nuovo alla crescita sostenibile degli utili, che potrebbe portare i settori più difensivi e growth di nuovo a sovraperformare il mercato”.

IL TREND ESG È DESTINATO A CRESCERE

Per quanto riguarda invece i rendimenti sovrani, la manager di Natixis ritiene che gli interventi delle Banche centrali metteranno ordine sul trend al rialzo mentre la fase di debolezza del dollaro dovrebbe protrarsi, almeno nell’immediato. Una debolezza che, aggiunge Dwek, appare tuttavia limitata da numeri migliori in termini di crescita negli Stati Uniti, da un maggiore impulso fiscale e da un carry più elevato. Infine, Head of Global Macro Strategy, Natixis IM Solutions, si dice certa che il trend ESG sia destinato a continuare e persino a crescere nei prossimi anni.