Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1867
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • BTC-EUR

    31.990,11
    -1.005,73 (-3,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    925,48
    -17,96 (-1,90%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     

Ecco le soluzioni Goldman Sachs AM per investire nell'economia circolare

·3 minuto per la lettura
Ecco le soluzioni Goldman Sachs AM per investire nell'economia circolare
Ecco le soluzioni Goldman Sachs AM per investire nell'economia circolare

Il portafoglio GS Global Environmental Impact Equity si propone di selezionare fornitori di soluzioni ambientali innovative e di grande impatto che siano allineate ai temi chiave della sostenibilità

Con 300 milioni di tonnellate di plastica, 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici e il 33% di tutto il cibo prodotto che viene gettato via ogni anno, esiste un enorme problema di rifiuti che riguarda il nostro pianeta. “A causa dell'aumento della popolazione, nonché delle rivoluzioni industriali e tecnologiche, il tasso di crescita del prodotto relativo alla distribuzione e all'attività degli uomini non mostra nessun segnale di rallentamento”, fanno presente gli esperti di Goldman Sachs Asset Management.

PIÙ MATERIALE SIGNIFICA PIÙ SPAZZATURA

Basti pensare che, se all'inizio del XX secolo, la massa totale attribuita all'uomo era circa il 3% di tutta la biomassa globale, ovvero 35 miliardi di tonnellate, nel 2020 la crescita del "materiale artificiale globale" era di 30 miliardi di tonnellate all'anno: più materiale significa più spazzatura. Pertanto, come produrre di meno, riciclare, riutilizzare e sostituire con alternative più sostenibili, sono argomenti importanti con cui tutti dobbiamo confrontarci.

OGNI ANNO 2,01 MILIARDI DI TONNELLATE DI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Secondo la Banca mondiale, ogni anno vengono creati 2,01 miliardi di tonnellate di rifiuti solidi urbani, il che implica che circa il 7% di tutto ciò che produciamo ogni anno diventa spazzatura. In tutto il mondo, una grossa fetta di rifiuti, il 37%, finisce ancora nelle discariche e solo l'8% viene collocato in discariche sanitarie con sistemi di raccolta del gas. “Purtroppo solo il 20% viene riutilizzato tramite compostaggio e riciclo; L'11% viene incenerito per lo smaltimento finale, lasciando la restante percentuale >30% lasciata per lo scarico a cielo aperto”, spiegano i manager di Goldman Sachs Asset Management.

I GIOVANI RISCHIANO DI SOFFRIRE MAGGIORMENTE

Ma c’è di più, in base alle tendenze economiche mondiali, si prevede che i rifiuti globali annuali generati crescano di oltre il doppio della crescita della popolazione, raggiungendo i 3,4 miliardi di tonnellate entro il 2050. Mentre i rifiuti complessivi e il conseguente impatto dei gas serra (GHG) possono avere un impatto su tutti in termini di salute, sicurezza e ambiente, i giovani rischiano di soffrire maggiormente perché vivranno più a lungo.

PIÙ VULNERABILI LE POPOLAZIONI A BASSO REDDITO

Inoltre, secondo la Banca Mondiale, le popolazioni a basso reddito hanno maggiori probabilità di subire gli impatti più negativi derivanti dai problemi globali dei rifiuti. Sia perché il trattamento dei rifiuti e le tecnologie di smaltimento adeguate sono "quasi esclusivamente dominio dei paesi ad alto e medio reddito" e sia perché nei loro territori vengono scaricati il 93% dei rifiuti livello globale contro solo il 2% nei paesi ad alto reddito.

SOLUZIONI CREDIBILI AL PROBLEMA DEI RIFIUTI

Puntando sulle aziende dell'economia circolare, esistono molteplici presidi o tecnologie che potrebbero fornire soluzioni credibili al problema dei rifiuti. Per esempio, potrebbe essere possibile risolvere l'80% del problema della plastica con soluzioni già esistenti tra cui: a) riduzione (eliminazione o riutilizzo); b) sostituzione (carta e compostabili); c) riciclaggio (meccanico e chimico) e d) smaltimento più efficace (conversione chimica della plastica in combustibile). “Nella misura in cui queste soluzioni fossero implementate su larga scala, potremmo potenzialmente ridurre la percentuale di plastica "sprecata" fino al 20% circa, con solo il 10% mal gestito (incendio aperto, inquinamento terrestre, inquinamento oceanico) e il 7% smaltito via in discarica o incenerimento” riferiscono i professionisti di Goldman Sachs Asset Management.

IL GS GLOBAL ENVIRONMENTAL IMPACT EQUITY PORTFOLIO

Il comparto GS Global Environmental Impact Equity Portfolio si propone di investire in fornitori di soluzioni ambientali innovative e di grande impatto che siano allineate a cinque temi chiave: energia pulita, efficienza delle risorse, consumo sostenibile, economia circolare e sostenibilità idrica. “Riteniamo che le aziende impegnate su questi temi possano offrire soluzioni tanto necessarie alle principali sfide ambientali e siano pronte a beneficiare di una significativa spinta della domanda a lungo termine in un contesto in cui governi, aziende e consumatori si muovono verso una maggiore sostenibilità e una crescita inclusiva” concludono gli esperti di Goldman Sachs Asset Management.

ALTRE NEWS DI FINANCIALOUNGE.COM:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli