Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,68 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,67 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    45.961,80
    -5.344,12 (-10,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,61 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1021
    -0,0012 (-0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Ecco i titoli più shortati a Piazza Affari

Redazione
·2 minuto per la lettura
Ecco i titoli più shortati a Piazza Affari
Ecco i titoli più shortati a Piazza Affari

Dall’ultimo aggiornamento della Consob, in cima alla classifica c’è Bio-On con 2 posizioni short aperte per una quota pari al 2,59% del capitale sociale. Seguono Mps (2,29%) e Maire Tecnimont (2,27%)

Dall’ultimo aggiornamento disponibile, quello di ieri giovedì 25 febbraio 2021, diffuso dalla Consob sulle posizioni nette corte (PNC) emerge che il titolo più shortato a Piazza Affari resta Bio-On, con due posizioni short aperte e per una quota totale che sommata raggiunge il 2,59% del capitale sociale, nonostante il titolo del gruppo della bioplastica sia sospeso dalle contrattazioni a tempo indeterminato dal 24 ottobre 2019. Secondo gradino del podio per Mps (2,29%). Al terzo posto si colloca Maire Tecnimont, con 2 posizioni PNC aperte e una quota totale pari al 2,27% del capitale sociale.

Elaborazione su dati Consob

LE PNC A PIAZZA AFFARI

Guardando la tabella, elaborata sui dati diffusi dalla Consob, si evidenziano anche Eurotech con una quota del 2,10% del capitale sociale interessato e due posizioni nette corte aperte. Poi Saipem - che ha chiuso il 2020 con perdite per 1,13 miliardi - con una quota dell’1,86% del capitale sociale interessato, Mediaset (1,44%), Fincantieri (1,41%), Digital Bros (1,46%), Tenaris (1,21%) e Diasorin (1,16%), tutte con 2 posizioni nette corte aperte.

PNC SONO UN INDICATORE SINTETICO

Si ricorda che le PNC cono un indicatore sintetico che riassume le posizioni corte (ossia le vendite allo scoperto sulle azioni e le posizioni corte in strumenti finanziari derivati e altri strumenti simili) al netto delle posizioni lunghe (ossia gli acquisti di azioni e le posizioni lunghe in strumenti finanziari derivati e altri strumenti simili). Come riporta il sito della Consob, che è l’unica fonte ufficiale e affidabile dei dati su tali posizioni, confluiscono nel calcolo delle PNC tutte le operazioni effettuate nei sopracitati strumenti finanziari, anche eseguite all’estero e/o fuori mercato.

ENTITÀ PARI O SUPERIORE ALLO 0,5%

Sono oggetto di pubblicazione le PNC che sono di entità pari o superiore allo 0,5% del capitale sociale della società quotata considerata; oppure hanno raggiunto la soglia dello 0,5% e sono state quindi pubblicate, ma successivamente sono diminuite al di sotto della soglia dello 0,5%. Queste PNC sono pubblicate un’ultima volta con l’indicazione dell’ultimo valore disponibile (sotto lo 0,5%).