Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.178,80
    +171,40 (+0,78%)
     
  • Dow Jones

    30.153,00
    +183,48 (+0,61%)
     
  • Nasdaq

    12.443,09
    +65,90 (+0,53%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,33
    +0,69 (+1,51%)
     
  • BTC-EUR

    15.658,25
    -197,89 (-1,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    373,13
    -6,11 (-1,61%)
     
  • Oro

    1.839,20
    -1,90 (-0,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2152
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    3.690,62
    +23,90 (+0,65%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.539,27
    +22,17 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,9010
    -0,0015 (-0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0815
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5526
    -0,0091 (-0,58%)
     

Ecommerce: Farmakom, +424% fatturato in 1° semestre 2020, cerca nuove figure

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Farmakom (www.farmakom.it), piattaforma nata alla fine del 2016 per aiutare le farmacie a vendere online grazie a un modello full service che segue per conto del farmacista, ha chiuso il primo semestre del 2020 con un fatturato in crescita del +424% rispetto al 2019. Si tratta di una crescita importante, incentivata anche dalla digitalizzazione che ha coinvolto il settore farmaceutico nei mesi scorsi (ad oggi sono oltre 250 le farmacie che si sono affidate alla piattaforma).

L’azienda, che segue per conto della farmacia le vendite online, la sgrava, grazie ai suoi automatismi, di dover seguire a tempo pieno le piattaforme e-commerce consentendo al farmacista di seguire l’attività tradizionale. Delegare a un partner esterno la gestione di una piattaforma e-commerce consente alle farmacie di risparmiare quasi il -50% di tempo e di incrementare fino al +48% le vendite dal canale online.

Le vendite digitali, infatti, attivano un circolo virtuoso di occupazione e formazione permanente e se è percezione diffusa che l’e-commerce tolga il lavoro arrecando un danno alla società (ad esempio in termini di disoccupazione generata dalla chiusura dei negozi tradizionali), spesso non si considerano le opportunità di lavoro generate come i lavoratori diretti assunti dagli e-store, quelli occupati nell’offerta di servizi accessori per i lavoratori e l’intera filiera di fornitori degli e-commerce stessi. Dal 2007, infatti, il settore e-commerce - che include anche i centri di distribuzione e di smistamento - ha generato oltre 360.000 nuovi posti di lavoro.

Farmakom prevede di proseguire nella crescita e di chiudere il 2020 con un fatturato a sette cifre di 2.500.000 euro (pari a un +883% rispetto al 2019). L’azienda, quindi, cresce e oggi è alla ricerca di una nuova figura professionale: un data analyst. La risorsa ricercata dovrà conoscere e comprendere la Data Analysis, leggendo e interpretando diverse tipologie di dati; visualizzare i business insight, comunicarli efficacemente e utilizzarli per pianificare strategie efficaci (Data Driven Management). Infine, dovrà manipolare i dati attraverso l’uso di tool specifici (ad esempio Fogli Elettronici, Sql) e presentare le analisi dei dati agli stakeholders attraverso i criteri di Data Visualization e l’uso di dashboard. Per candidarsi, si può scrivere a hello@farmakom.it.

“Siamo entusiasti dei traguardi raggiunti finora e certi che questi siano solo l’inizio di un lungo percorso fatto di duro lavoro, impegno ma anche di tante soddisfazioni", dichiarano i tre fondatori di Farmakom.

"Complice il Coronavirus, tantissime farmacie hanno compreso l’importanza di aprire uno shop online, del resto come tante altre realtà dei più svariati settori. Il nostro compito è quello di aiutarle nel processo di digitalizzazione e di seguire i relativi shop online, consentendo quindi loro di dedicarsi in toto al cliente in negozio, che così può sempre contare su un team di farmacisti a lui completamente dedicato", aggiungono.