Italia Markets closed

Economia circolare, Start Magazine: è processo industriale innovativo -2-

Red

Roma, 12 nov. (askanews) - Relativamente al biometano, in Italia a fine 2017 si contavano solo 7 impianti. Tuttavia, le prospettive di crescita per il settore nazionale sono ottime: il potenziale di sviluppo del biometano individuato nella Strategia Energetica Nazionale è di 8 mld di m3 al 2030, ma esistono stime anche maggiori. Si tratterebbe di un contributo importante, considerando che l'Italia oggi importa il 90% del gas naturale che consuma, principalmente da Russia e Algeria.

In ottica di economia circolare, la trasformazione sociale, culturale, economica e materiale degli spazi urbani è uno dei cambiamenti più importanti in atto in questi decenni. Le città hanno bisogno di una "visione circolare" che comprenda tutti gli spazi nel processo di trasformazione: trasporti, mobilità, energia, tecnologia e digitale. La riqualificazione delle periferie deve essere il punto di partenza per poter dare una svolta ad una situazione precaria sia a livello edilizio sia ambientale. In questo senso va l'impegno di Cassa Depositi e Prestiti, previsto anche nel piano industriale 2019-2021 e la visione circolare di Enel presentata in contesti cittadini anche internazionali (Cile e Brasile).

Evidenziate, durante la presentazione, le buone pratiche, riportate nel libro, che sono già in atto e che riscuotono un grande successo. E' il caso del consorzio Conou, grazie al quale nel 2018 sono state raccolte circa 186 mila tonnellate di oli usati, il 99% del totale; un risultato senza eguali in Europa. Oppure il caso del consorzio Coripet, che ha ottenuto dal ministero dell'Ambiente l'autorizzazione per la gestione dei propri rifiuti (bottiglie in PET dei propri associati), e che intende creare, mediante il riciclo bottle to bottle. Altro esempio di best practice è il progetto di recupero delle scorie di acciaieria lanciato da Acciai Speciali Terni, insieme all'azienda finlandese Tapojärvi Oy.

Hanno partecipato alla presentazione: Umberto Buratti, deputato; Giovanni De Feo, docente universitario; Alessandra Gallone, senatrice; Vannia Gava, deputata; Roberto Morassut, Sottosegretario di Stato Ministero dell'Ambiente; Alessandra Todde, Sottosegretario di Stato Ministero dello Sviluppo economico; Simone Togni, Presidente ANEV; Mario Turco, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio; G.B. Zorzoli, Presidente del Coordinamento Free; Michele Guerriero e Valerio Giardinelli di Start Magazine. Hanno preso la parola anche Luca Valerio Camerano, Ad di A2A; Bruno Mattucci, ad di Nissan Italia; Paolo Tomasi, presidente di Conou; Giancarlo Longhi, presidente onorario di Coripet e rappresentanti di Cdp, Snam, Ast, Utilitalia, Enel.