Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 3 hours 48 minutes
  • FTSE MIB

    34.558,99
    +98,47 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    39.671,04
    -201,95 (-0,51%)
     
  • Nasdaq

    16.801,54
    -31,08 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    39.103,22
    +486,12 (+1,26%)
     
  • Petrolio

    78,09
    +0,52 (+0,67%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.453,82
    -97,64 (-0,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.508,75
    +6,09 (+0,41%)
     
  • Oro

    2.371,10
    -21,80 (-0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,0850
    +0,0022 (+0,21%)
     
  • S&P 500

    5.307,01
    -14,40 (-0,27%)
     
  • HANG SENG

    18.868,71
    -326,89 (-1,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.051,75
    +26,58 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8518
    +0,0008 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9906
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4821
    +0,0005 (+0,03%)
     

Economia zona euro, occupazione cresce 0,3% in trim1

Le carrozzerie delle Mercedes-Maybach vengono sollevate nella “Fabbrica 56” di Sindelfingen, in Germania

FRANCOFORTE (Reuters) - L'economia della zona euro è cresciuta dello 0,3% nel primo trimestre dell'anno, suggerendo che è in corso una lenta ripresa dopo sei trimestri consecutivi di crescita stagnante o negativa.

Lo ha comunicato Eurostat, confermando la stima preliminare.

Nel trimestre precedente la crescita è stata invece confermata a -0,1%, dopo un analogo andamento nel terzo trimestre indicando recessione, in linea con la tradizionale definizione che prevede due trimestri consecutivi di crescita negativa.

Tra i maggiori Paesi della regione, la Spagna è stata la più performante nel primo trimestre con una crescita dello 0,7%, mentre Germania, Francia e Italia si sono attestate tutte al di sotto della media della zona euro.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Allo stesso tempo, l'occupazione è cresciuta dello 0,3% nel primo trimestre.

Anche se la Banca centrale europea ha alzato i tassi di interesse ai massimi storici degli ultimi anni per rallentare bruscamente la crescita e l'inflazione, le imprese hanno mantenuto la forza lavoro, a differenza di quanto avvenuto nella maggior parte degli altri episodi di recessione.

Il motivo principale è probabilmente l'esperienza post-pandemia, quando le imprese hanno incontrato difficoltà a riassumere i lavoratori e gran parte del settore dei servizi ha faticato a funzionare a causa della forte carenza di manodopera.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Andrea Mandalà)