Italia markets close in 4 hours 46 minutes
  • FTSE MIB

    21.150,07
    +83,52 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    29.590,41
    -486,29 (-1,62%)
     
  • Nasdaq

    10.867,93
    -198,87 (-1,80%)
     
  • Nikkei 225

    26.431,55
    -722,28 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    78,30
    -0,44 (-0,56%)
     
  • BTC-EUR

    19.809,21
    -97,04 (-0,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    437,76
    -6,77 (-1,52%)
     
  • Oro

    1.646,80
    -8,80 (-0,53%)
     
  • EUR/USD

    0,9653
    -0,0035 (-0,36%)
     
  • S&P 500

    3.693,23
    -64,76 (-1,72%)
     
  • HANG SENG

    17.855,14
    -78,13 (-0,44%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.341,00
    -7,60 (-0,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8990
    +0,0057 (+0,64%)
     
  • EUR/CHF

    0,9556
    +0,0047 (+0,50%)
     
  • EUR/CAD

    1,3166
    -0,0003 (-0,02%)
     

Edison e Saipem entrano in progetto per Puglia Green Hydrogen Valley

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 set. (askanews) - Edison e Saipem entrano nella società di scopo per la realizzazione del progetto Puglia Green Hydrogen Valley.

Edison e Saipem acquisiscono, facendo seguito agli accordi sottoscritti a settembre 2021, rispettivamente il 50% ed il 10% della società Alboran Hydrogen Brindisi Srl strumentale alla realizzazione del progetto Puglia Green Hydrogen Valley. Saipem, inoltre, detiene anche un'esclusiva per la realizzazione del progetto, si legge nella nota.

Il progetto Puglia Green Hydrogen Valley prevede la realizzazione di tre impianti di produzione di idrogeno verde a Brindisi, Taranto e Cerignola (FG), per una capacità di elettrolisi complessiva pari a 220 MW, alimentati da circa 400 MW di energia solare fotovoltaica. Una volta a regime, i tre impianti saranno in grado di produrre complessivamente fino a circa 300 milioni di normal metri cubi di idrogeno rinnovabile all'anno, destinati ad alimentare le industrie presenti sul territorio e la mobilità sostenibile, anche attraverso l'immissione nella rete gas locale.

L'impianto di Brindisi, che si trova in una fase avanzata di sviluppo, prevede la realizzazione di un impianto di produzione di idrogeno verde mediante elettrolizzatori con una capacità di 60 MW alimentati da un campo fotovoltaico dedicato. Il progetto è stato proposto, tra gli altri, per il bando di finanziamento europeo IPCEI (Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo).

L'intero progetto, coinvolgendo importanti realtà regionali tra cui l'Acquedotto Pugliese, le Ferrovie Apulo Lucane, i Distretti tecnologici e produttivi pugliesi, il Politecnico di Bari, le Università di Bari, di Foggia e del Salento, consentirà di massimizzare le sinergie con il territorio e favorire lo sviluppo di competenze per la creazione di una filiera locale.

L'idrogeno è uno dei vettori energetici di riferimento per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione fissati dalla strategia nazionale ed europea al 2030 e al 2050 e il Progetto Puglia Green Hydrogen Valley si pone l'obiettivo di accelerare la diffusione dell'idrogeno verde nel mix energetico nazionale. Il progetto ha una forte rilevanza a livello locale, considerando che la Puglia assorbe per il suo settore industriale più energia della media e rappresenta circa il 6% dei consumi energetici nazionali del comparto.

Giovanni Brianza, CEO di Edison Next, società del Gruppo Edison che accompagna aziende e territori nella transizione ecologica e nella decarbonizzazione, dichiara: "Con questo progetto Edison conferma il suo impegno nello sviluppo di tutta la filiera dell'idrogeno verde, una tecnologia sinergica al core business dell'azienda e un elemento chiave nell'ambito del suo piano di sviluppo strategico. In particolare la società punta ad utilizzare l'idrogeno verde per sostituire i combustibili fossili nei processi industriali energivori e per rendere sostenibili i trasporti pesanti".

Mattia D'Amato, Director Strategy Development and Innovation di Alboran, dichiara: "Per Alboran questo progetto evidenzia la perfetta sintonia tra le proprie scelte in ambito di idrogeno verde e le strategie nazionali ed europee che vanno in questa direzione. Il coinvolgimento di altri partner così rilevanti nell'iniziativa consente di sviluppare al meglio le potenzialità del modello di progetto proposto per la Puglia".

Fabrizio Botta, Chief Commercial Officer di Saipem, afferma: "L'iniziativa è strategica nel quadro del nostro Piano tecnologico, che prevede lo sviluppo di soluzioni "Low Carbon" abilitanti modelli di business innovativi, e ci conferma, quindi, come partner ideale per supportare i nostri clienti nella transizione energetica e verso il Net Zero".