Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    34.580,52
    +262,41 (+0,76%)
     
  • Dow Jones

    40.000,90
    +247,15 (+0,62%)
     
  • Nasdaq

    18.398,45
    +115,04 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    41.190,68
    -1.033,34 (-2,45%)
     
  • Petrolio

    82,18
    -0,44 (-0,53%)
     
  • Bitcoin EUR

    53.065,20
    +589,46 (+1,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.210,63
    +12,06 (+1,01%)
     
  • Oro

    2.416,00
    -5,90 (-0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,0910
    +0,0040 (+0,37%)
     
  • S&P 500

    5.615,35
    +30,81 (+0,55%)
     
  • HANG SENG

    18.293,38
    +461,05 (+2,59%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.043,02
    +66,89 (+1,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8397
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    0,9751
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4865
    +0,0053 (+0,36%)
     

Edison si allea con Webuild per sviluppare pompaggi idroelettrici in Sud Italia

Vista generale della centrale termoelettrica Edison, filiale italiana di EDF, a Marghera

MILANO (Reuters) - Edison e Webuild hanno sottoscritto un accordo programmatico per lo sviluppo dei progetti di pompaggio idroelettrico nel Sud Italia con l'obiettivo di far crescere la filiera italiana dell’idroelettrico per incrementare l’autonomia energetica del Paese.

In particolare, dice una nota, l'accordo prevede la collaborazione tra i due gruppi per la definizione e realizzazione dei progetti relativi al pompaggio di Pescopagano in Basilicata e di Villarosa in Sicilia sviluppati da Edison.

I due progetti di pompaggio sono parte della strategia di Edison per la crescita delle energie rinnovabili in Italia, che prevede di portare al 2030 la capacità green installata del gruppo a 5 GW (dagli attuali 2 GW) e congiuntamente di realizzare almeno 500 MW di accumuli, in quanto strumenti necessari per non disperdere l'energia rinnovabile prodotta nei momenti di maggiore disponibilità. Gli impianti idroelettrici di pompaggio sono la forma di stoccaggio dell’energia elettrica più affidabile, secondo la nota.

(Claudia Cristoferi, editing Stefano Bernabei)