Italia Markets closed

Editoria: giornalisti importanti, ma migliorare qualità informazione

Lzp

Milano, 2 dic. (askanews) - Gli italiani sono consapevoli dell'importanza di una "buona e corretta" informazione e del ruolo centrale che possono svolgere i professionisti dei media, ma ritengono che il "modello italiano" sia lontano da quello ideale. Il 70% degli italiani pensa infatti che i giornalisti facciano poco per veicolare un'informazione corretta e professionale: un ritratto aggravato dal 58,8% degli intervistati che vede i giornalisti più orientati a generare traffico piuttosto che a veicolare buona e corretta informazione. E' quanto emerge dal rapporto Agi-Censis "I professionisti dell'informazione nell'era trans-mediatica: grado di fiducia, elementi critici e attese degli italiani" presentato durante l'evento "Il futuro dell'informazione: dalla storia d'Italia all'editoria 5.0" organizzato da Agi - Agenzia Italia alla presenza fra gli altri del sottosegretario con delega all'Informazione e all'Editoria Andrea Martella.

"Il sistema editoriale attraversa da almeno un decennio una crisi finanziaria profonda, che ha ormai assunto caratteri strutturali. Allo stesso tempo sono mutati i suoi connotati fondamentali" - ha dichiarato il sottosegretario Martella - "Con riferimento all'informazione primaria, la sua natura di bene pubblico non solo giustifica, ma implica necessariamente un intervento statale. Il mio impegno sarà orientato a verificare tutte le possibili soluzioni, anche di natura legislativa, idonee ad assicurare il necessario sostegno al comparto delle agenzie di stampa, nel rispetto del principio del pluralismo dell'informazione".

Ma se il sentiment nei confronti del mondo dell'informazione è negativo, per gli italiani non è impossibile uscire da questa situazione. Il 69% degli intervistati è infatti convinto che "la capacità di raccontare, la completezza, il pensiero critico, la serenità di giudizi" siano prerogative esclusive dei giornalisti e il 52,7% ritiene che la navigazione casuale in internet non possa sostituire la lettura sistematica di un quotidiano. Recupero reputazionale, rigore professionale, maggiore dialogo e scambio con i lettori, capacità di adattamento al nuovo contesto sono le parole d'ordine che emergono dal Rapporto e che consentirebbero di riporre fiducia in un possibile futuro del giornalismo di qualità.

Particolarmente sentito il tema delle fake news. Per il 77,8% degli italiani quello delle fake news è un fenomeno pericoloso, anche perché a oltre il 50% degli utenti è capitato di dare credito a notizie false circolate in rete. Le persone più istruite, inoltre, ritengono che le fake news sul web vengono create ad arte per inquinare il dibattito pubblico (74,1%) e che possono favorire in qualche modo derive populiste (69,4%). Una particolare sensibilità riguarda il tema della salute: quasi 9 milioni di italiani ritengono di essere stati vittima di fake news in materia sanitaria nel 2019.