Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.052,89
    -147,78 (-0,43%)
     
  • Nasdaq

    13.903,79
    -148,55 (-1,06%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2039
    +0,0059 (+0,49%)
     
  • BTC-EUR

    45.899,87
    -599,09 (-1,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.247,59
    -51,37 (-3,95%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.160,82
    -24,65 (-0,59%)
     

Edizione 2021 della fiera Mido trasformata in evento digitale

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 mar. (askanews) - L'edizione 2021 di Mido, punto di riferimento per l'industria mondiale dell'occhialeria in programma dal 5 al 7 giugno 2021, è stata trasformata in un evento digitale e l'appuntamento con la fiera in presenza è stato invece posticipato al 12-14 febbraio 2022. Lo ha annunciato il presidente di Mido, Giovanni Vitaloni. "È una scelta di responsabilità nel massimo rispetto di espositori e visitatori, poiché crediamo che Mido debba continuare a essere l'evento che si contraddistingue nel panorama mondiale come unico, con la consapevolezza di essere il motore centrale dell'economia di settore. Il nostro principale obiettivo è salvaguardare l'internazionalità e la fiera stessa, per raccontare e valorizzare il comparto dell'eyewear e per creare importanti opportunità di business e incontro" ha commentato Vitaloni.

Mido è la manifestazione più significativa a livello internazionale nel settore dell'eyewear, ma non solo. Alla base del suo successo in questi 50 anni sono stati l'incontro, lo scambio, la condivisione e la contaminazione. Ma la grande ricchezza è sempre stata la presenza e la partecipazione dei suoi protagonisti, provenienti da 160 paesi del mondo. Sulla prossima edizione di febbraio in presenza Vitaloni ha affermato: "Mido 2022 sarà finalmente l'occasione per condividere la ricostruzione, l'entusiasmo e le energie che stiamo tutti con grande fatica mettendo in gioco per tornare a far rivivere e splendere uno dei segmenti più rilevanti dell'economia del nostro Paese. Siamo sempre attenti all'evoluzione della pandemia e monitoriamo con costanza i reali e rinnovati bisogni di espositori e visitatori. È indubbio che, nel caso ci fosse la possibilità conclamata di tornare a fare manifestazioni in presenza, non esiteremo ad andare incontro a questa necessità".