Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.727,27
    +581,21 (+1,41%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,51 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

Effetto Draghi, spread sotto i 100 punti: è la prima volta da dicembre 2015

Redazione
·1 minuto per la lettura
Effetto Draghi, spread sotto i 100 punti: <br /> è la prima volta da dicembre 2015
Effetto Draghi, spread sotto i 100 punti:
è la prima volta da dicembre 2015

Il differenziale di rendimento tra Btp e Bund scende sotto i 100 punti base: non succedeva dai tempi del governo Renzi

Lo spread tra i rendimenti dei titoli governativi italiano e tedesco è sceso sotto i 100 punti base. Non succedeva dal dicembre del 2015, ma ai mercati sono bastati pochi giorni di “possibile” governo Draghi per aumentare la fiducia nei confronti dell’Italia. Pochi minuti fa (ore 16:10) lo spread Btp/Bund è sceso a quota 99,6.

ULTIMA VOLTA NEL 2015

Per ritrovare un differenziale inferiore ai cento punti base bisogna risalire fino a dicembre 2015, nel periodo del governo guidato da Matteo Renzi. Lo stesso che, aprendo la crisi del secondo governo Conte, ha di fatto propiziato la chiamata di Mario Draghi da parte del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

DEBITO MONSTRE PER L’ITALIA

Per la sostenibilità del debito monstre che pesa sul nostro Paese – 2.586 miliardi di euro a novembre 2020 secondo i dati di Bankitalia – il rendimento dei titoli governativi è fondamentale. Attualmente i Btp italiani rendono ancora una trentina di punti in più rispetto a quelli di altri Paesi “periferici” dell’Europa, come Spagna e Portogallo. A preoccupare è il rapporto debito/Pil, che nel 2021 potrebbe arrivare al 160%. Secondo alcune analisi, con Draghi premier lo spread potrebbe scendere fino a 70 punti base: un risultato impensabile fino al 2018, quando con il governo M5S-Lega si erano toccati i 330 punti, o quando, prima dell’arrivo di Mario Monti a Palazzo Chigi, lo spread era arrivato a 505 punti.