Italia markets open in 6 hours 42 minutes
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,63 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,95 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    29.584,99
    +618,98 (+2,14%)
     
  • EUR/USD

    1,2093
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    38.215,70
    -363,94 (-0,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    922,77
    -10,37 (-1,11%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    0,00 (0,00%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     

Effetto Draghi su spread e BTP, circolo virtuoso da non mancare

Virgilio Chelli
·2 minuto per la lettura
Effetto Draghi su spread e BTP, circolo virtuoso da non mancare
Effetto Draghi su spread e BTP, circolo virtuoso da non mancare

Andrea Delitala, Head of Euro Multi Asset di Pictet Asset Management, stima un possibile allineamento a livelli spagnoli e in prospettiva la possibilità di un risparmio sul costo del debito italiano quantificabile in 1,5 miliardi l'anno

La formazione di un governo guidato dall'ex presidente della BCE Mario Draghi vale un restringimento dello spread di 20/25 punti base. L'effetto annuncio e i progressi di ieri del presidente incaricato hanno già provocato una compressione di 15 punti base fra mercoledì e giovedì e un'ulteriore aggiunta di 20 punti base sarebbe possibile una volta presentati e approvati dalla Commissione Europea i progetti per l'utilizzo del Recovery Fund e credibili riforme strutturali su Pubblica Amministrazione, pensioni e giustizia, portando il differenziale tra rendimento dei BTP e Bund dai 100 punti base attuali a 70 punti , non lontano da quello fra il Bund e Bonos spagnoli.

RISPARMIO DI 1,5 MLD SUGLI INTERESSI

Lo afferma in un commento dopo la caduta dello spread ai minimi dal 2015 Andrea Delitala, Head of Euro Multi Asset di Pictet Asset Management, sottolineando che la contrazione dello spread si aggiunge ai risparmi sugli interessi già maturati in tutta la fase di discesa dei rendimenti a livello globale, che consente all'Italia di emettere oggi debito a tassi mediamente vicini allo 0% e ben al di sotto del costo medio del debito pregresso pari a circa il 2,5%. L'esperto di Pictet Asset Management aggiunge un ulteriore restringimento dello spread di circa 50 punti base, un ulteriore risparmio quantificabile in circa 1,5 miliardi di euro.

ULTERIORI RISPARMI GRAZIE ALLA UE

Inoltre, prosegue l'analisi di Delitala, i fondi che verranno trasferiti a valere sul bilancio della Commissione Europea consentiranno ulteriori risparmi rispetto alla traiettoria del debito pubblico italiano, in quanto quei fondi rappresentano minori italiani e corrispondenti maggiori dati da parte dei Paesi "finanziatori", come Germania e Francia tra gli altri. Per questo, il differenziale di rendimento BTP-Bund dovrebbe comprimersi ulteriormente negli anni di erogazione del Recovery Fund fino al 2027.

POSSIBILE MIGLIORAMENTO DEI RATING

Infine, se le riforme strutturali verranno realizzate utilizzando i fondi europei e producendo una sostanziale incremento della crescita potenziale dell'economia italiana, un ulteriore restringimento dello spread è prevedibile passando attraverso il miglioramento del merito di credito del debito italiano da parte delle agenzie di rating. Insomma, concludere Delitala, l'arrivo di un governo guidato da Mario Draghi apre la prospettiva di “un circolo virtuoso da non mancare”.

Per approfondimenti su investimenti e strategie a cura di Pictet Asset Management è possibile visitare il sito corporate e il blog di cultura finanziaria Pictet per Te.