Italia markets open in 18 minutes
  • Dow Jones

    33.309,51
    +535,11 (+1,63%)
     
  • Nasdaq

    12.854,80
    +360,88 (+2,89%)
     
  • Nikkei 225

    27.819,33
    -180,63 (-0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0295
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • BTC-EUR

    23.818,34
    +1.413,30 (+6,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    577,43
    +46,21 (+8,70%)
     
  • HANG SENG

    20.057,75
    +446,91 (+2,28%)
     
  • S&P 500

    4.210,24
    +87,77 (+2,13%)
     

Electrolux: oltre 600 assunzioni e 70 milioni di investimenti

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Pordenone, 27 giu. (askanews) - In Electrolux Italia oltre 600 assunzioni e 70 milioni di investimenti quest'anno. E quanto alla sostenibilità, -70% di CO2 emessa per ogni unità prodotta negli stabilimenti rispetto al 2015. Sono questi alcuni dei dati condivisi dal management del Gruppo svedese, leader nel settore degli elettrodomestici, con i rappresentanti di FIM, FIOM e UILM e delle rsu dei 5 siti produttivi italiani situati a Porcia (PN), Susegana (TV), Forlì, Cerreto d'Esi (AN), Solaro (MI), durante un incontro di aggiornamento tra le parti svoltosi il 23 giugno a Treviso.

Electrolux ha infatti comunicato di aver assunto a tempo indeterminato oltre 600 persone in Italia negli ultimi 15 mesi e previsto investimenti di oltre 70 milioni nel paese nel 2022. Lo comunica Electrolux Italia.

A un anno dalla firma del nuovo Contratto Integrativo aziendale, Electrolux ha condiviso informazioni e dati positivi nonostante il periodo storico particolarmente carico di sfide, in primis a causa della pandemia da Covid19 e della guerra in Ucraina, con tutte le conseguenze macroeconomiche che le accompagnano. Oltre al numero di assunzioni realizzato e agli investimenti previsti, l'incontro ha avuto un altro protagonista, sempre di fondamentale importanza per Electrolux: la sostenibilità. Sostenibilità che i rappresentanti del Gruppo hanno illustrato attraverso roadmap e obiettivi, alcuni dei quali già raggiunti: tra questi, il calo di quasi il 70% di CO2 emessa per unità prodotta nelle fabbriche italiane (vs 2015), la diminuzione di oltre il 60% del consumo di acqua per unità prodotta (vs 2015), e il recupero del 97% dei rifiuti prodotti nei siti e negli uffici che non vengono quindi conferiti in discarica, grazie al progetto Zero Waste to Landfill.

"L'incontro con le parti sindacali è stato un momento importante per il Gruppo, così come per gli oltre 5.600 lavoratori che lo rendono un'eccellenza in Italia. Siamo orgogliosi di poter condividere aggiornamenti positivi in termini di investimenti e assunzioni nonostante le difficoltà che accompagnano un momento storico particolarmente complesso, non solo per l'Italia, ma per l'Europa intera" ha dichiarato Ruben Campagner, HR Country Manager di Electrolux Italia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli