Italia markets close in 2 hours 52 minutes
  • FTSE MIB

    20.891,20
    -452,73 (-2,12%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,86 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,14 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    26.423,47
    +269,66 (+1,03%)
     
  • Petrolio

    108,96
    +0,53 (+0,49%)
     
  • BTC-EUR

    18.939,36
    -346,98 (-1,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    423,01
    +2,87 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.801,70
    +0,20 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0290
    -0,0134 (-1,29%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.853,07
    +22,72 (+0,10%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.371,79
    -80,63 (-2,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9945
    -0,0071 (-0,71%)
     
  • EUR/CAD

    1,3365
    -0,0029 (-0,21%)
     

Electronic Arts in vendita? Ci sarebbero trattative con Disney, Amazon e Apple

(Adnkronos) - Continuano le voci di corridoio, sempre più insistenti, sulla possibilità che Electronic Arts e il suo catalogo di videogiochi venga venduta o fusa con un’altra compagnia, e i nomi in lizza sono tra i più famosi della tecnologia e dell’entertainment. Apple, Amazon e Disney sarebbero tutte e tre interessate all’acquisizione, e le trattative sarebbero già iniziate. In caso di fusione, EA sarebbe intenzionata a mantenere Andrew Wilson come CEO, un accordo come quello tra Microsoft e Activision Blizzard. Pare che l’accordo con Disney abbia iniziato a prendere forma già lo scorso marzo, ma è rimasto in stallo e ora sembra più probabile che la casa editrice di videogiochi possa essere acquistata da una delle due big tech statunitensi. EA pubblica diversi giochi basati su licenze Disney, a cominciare da quelli di Star Wars, ma la casa di Topolino al momento sarebbe intenzionata a seguire soprattutto i suoi progetti in streaming, a cominciare da Disney Plus.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli