Italia markets closed
  • FTSE MIB

    20.648,85
    +295,87 (+1,45%)
     
  • Dow Jones

    28.725,51
    -500,10 (-1,71%)
     
  • Nasdaq

    10.575,62
    -161,89 (-1,51%)
     
  • Nikkei 225

    25.937,21
    -484,84 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    79,74
    -1,49 (-1,83%)
     
  • BTC-EUR

    19.727,00
    -358,56 (-1,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,49
    +0,06 (+0,01%)
     
  • Oro

    1.668,30
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    0,9801
    -0,0018 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.585,62
    -54,85 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    17.222,83
    +56,96 (+0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.318,20
    +39,16 (+1,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8782
    -0,0040 (-0,45%)
     
  • EUR/CHF

    0,9674
    +0,0099 (+1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3551
    +0,0121 (+0,90%)
     

Elezioni 25 settembre, Salvini: "Meloni premier? E' la democrazia"

(Adnkronos) - "Perché dovrei oppormi a un incarico a Giorgia Meloni? E' la democrazia. Con umiltà e scaramanzia, credo che la partita non sia chiusa. Non abbiamo ancora vinto niente: chi vince e prende un voto in più degli altri deve avere l'onore e l'onere di governare questo Paese. Se sarò io, sarà per me un'emozione". Così, a Comiso nel ragusano, il leader della Lega Matteo Salvini risponde alle domande sull'ipotesi di Giorgia Meloni premier dopo le elezioni politiche 2022 del 25 settembre.

"Con Giorgia Meloni abbiamo parlato di Sicilia, di Italia, di futuro, governo, preoccupazione per le bollette. Qui non si tratta di un capriccio di Salvini, ma rischiamo di avere le fabbriche vuote. Ogni giorno che passa è un giorno perso. E in dieci minuti non abbiamo affrontato lo scibile umano, ma ci siamo abbracciati sorridendo pensando a quanto è bello in centrodestra unito e a quanto sono litigiosi gli altri", aggiunge.