Italia markets close in 41 minutes
  • FTSE MIB

    24.551,70
    +110,82 (+0,45%)
     
  • Dow Jones

    33.890,30
    +40,84 (+0,12%)
     
  • Nasdaq

    11.082,71
    +33,21 (+0,30%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    79,26
    +2,02 (+2,62%)
     
  • BTC-EUR

    15.840,30
    +121,17 (+0,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    387,87
    -0,86 (-0,22%)
     
  • Oro

    1.771,20
    +15,90 (+0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,0364
    +0,0019 (+0,19%)
     
  • S&P 500

    3.974,08
    +10,14 (+0,26%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.947,22
    +11,71 (+0,30%)
     
  • EUR/GBP

    0,8632
    -0,0012 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    0,9853
    +0,0040 (+0,41%)
     
  • EUR/CAD

    1,4049
    +0,0099 (+0,71%)
     

Elezioni 25 settembre, Umberto Bossi è stato eletto. Calderoli: "Errore del Viminale"

Umberto Bossi eletto parlamento
Umberto Bossi eletto parlamento

Sono passati solo pochi giorni dalla conclusione delle elezioni parlamentari che si sono svolte domenica 25 settembre, eppure c’è già stato un colpo di scena “clamoroso”. Umberto Bossi è stato infatti eletto nel collegio plurinominale Lombardia 2 (Varese), dopo essere risultato in precedenza escluso. Questo è quanto emerge dal portale Eligendo del Ministero dell’Interno. Non si è fatto attendere il commento del senatore Roberto Calderoli   che ha definito la precedente attribuzione dei seggi dei collegi plurinominali un errore.

Umberto Bossi è stato eletto in Parlamento. Calderoli: “Un errore del Viminale”

Il senatore leghista – si legge da ANSA – ha spiegato da cosa è nato l’errore: “Tutto è corretto fino all’attribuzione dei seggi delle coalizioni a livello nazionale, ovvero sulla base della cifra elettorale nazionale di coalizione dei partiti che abbiano superato l’1%”.

Ha poi aggiunto: “L’errore nasce dal passaggio successivo dove la cifra elettorale di coalizione nella circoscrizione deve comprendere anche i partiti che hanno superato l’1% anche quando questi non hanno raggiunto il 3% perché questo dice la legge, cosa che loro non hanno fatto sottraendo già a livello circoscrizionale la lista di “+Europa”, creando una serie di seggi deficitari che coinvolgono 13 circoscrizioni su 28″.

La precisazione del Viminale

Nel frattempo il Ministero dell’Interno – sempre sul sito Eligendo – ha provveduto in data mercoledì 28 settembre a fare un aggiornamento, quindi ha precisato:

“Anche a seguito di indicazioni fornite dall’Ufficio Elettorale Centrale Nazionale presso la Corte di Cassazione, sul sito Eligendo viene pubblicato un aggiornamento della ripartizione dei seggi proporzionali della Camera dei deputati in alcuni collegi plurinominali. Resta invariato il dato relativo al totale dei seggi attribuiti, a livello nazionale, a tutte le coalizioni e alle liste della Camera dei deputati, anche per i collegi uninominali,  nonché la ripartizione dei seggi relativa al Senato della Repubblica. Si fa presente che la pubblicazione da parte del Ministero dell’interno di tali notizie riveste carattere ufficioso, in quanto la ripartizione definitiva e la successiva proclamazione ufficiale degli eletti dovrà essere effettuata – ai sensi delle disposizioni vigenti – dal predetto Ufficio Elettorale Centrale nazionale della Cassazione e dai competenti Uffici presso le Corti di Appello”.