Italia Markets open in 7 hrs 5 mins
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.675,13
    +509,54 (+1,95%)
     
  • EUR/USD

    1,1901
    +0,0004 (+0,0357%)
     
  • BTC-EUR

    16.072,70
    +2,18 (+0,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    380,27
    +10,52 (+2,85%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Elezioni Usa, Steve Bannon invoca decapitazione Fauci e numero uno FBI. 'Tornerei all'epoca dei Tudor'

Laura Naka Antonelli
·2 minuto per la lettura

Twitter ha sospeso l'account di Steve Bannon dopo che l'ex consulente di Donald Trump e ideologo della destra sovranista americana ha invocato la decapitazione del numero uno della FBI Christopher Wray e dell'immunologo della Casa Bianca Anthony Fauci, minacciato tra l'altro di licenziamento dallo stesso presidente americano qualche giorno fa. Bannon (che conta tra i 'suoi fan' la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni e il numero uno della Lega, Matteo Salvini) non si è limitato a invocare la decapitazione di Wray e Fauci, ma ha anche immaginato le loro teste impalate davanti alla Casa Bianca, a mo' di avvertimento. L'ex strategia della campagna presidenziale di Trump per l'Election Day del 2016 ha lanciato il macabro auspicio attraverso il suo podcast War Room, che è stato poi distribuito sotto forma di video da diversi social media. Così, stando a quanto riporta il Guardian, ha inveito Bannon: "Il secondo mandato inizierà con il licenziamento di Wray e di Fauci...andrei anche oltre ma il presidente è un uomo di cuore". "Io, invece - ha continuato - tornerei direttamente ai tempi dei Tudor, in Inghilterra. Metterei le loro teste su dei pali ai due angoli della Casa Bianca, per lanciare un avvertimento ai burocrati federali: o vi allineate al programma o siete finiti". Sono ore di forti tensioni in America, dove non si conosce ancora il nome del prossimo presidente Usa, dopo le elezioni presidenziali di martedì scorso, 3 novembre. Donald Trump è tornato a protestare, mostrando tutta la propria frustrazione per una sconfitta che sembra più vicina. Trump si è scagliato di nuovo contro il conteggio dei voti, che continua in alcuni stati, e che rende impossibile al momento decretare con certezza chi sarà il vincitore dell'Election Day. Gli stati dove l'esito appare ancora incerto sono l'Arizona, il Nevada, la Georgia, la Pennsylvania e il North Carolina. In base alle proiezioni dell'Associated Press, l'ex vicepresidente dell'amministrazione di Barack Obama, il democratico Joe Biden, si avvicinerebbe alla vittoria, con il sostegno di 264 grandi elettori, a fronte dei 214 pro-Trump. Parlando dalla Casa Bianca per un quarto d'ora circa, Trump ha tuonato - senza prove, come sottolinea anche la Cnbc - che "vincerebbe facilmente" senza il conteggio di quei voti, che ha definito "voti illegali" (voti arrivati nelle ore successive all'Election Day del 3 novembre scorso; normalmente i seggi chiudono alle 19 ora locale). Trump ha ripescato teorie complottiste contro i sondaggisti, le "Big Tech", la "Big Money", attaccando i media di lavorare affinché i democratici "rubino" le elezioni. Dal canto suo Biden ha definito gli attacchi del presidente "disperati, senza alcun fondamento e la conferma del fatto che sta perdendo". In un'intervista al Washington Post Anthony Fauci, esperto nazionale di malattie infettive e responsabile della task force della Casa Bianca contro il Covid-19, ha criticato Trump per la gestione della pandemia da coronavirus COVID-19.