Italia Markets open in 42 mins

Emergenti a sconto, Corea del Sud e Russia sono le occasioni

Morningstar
 

C’è valore da cercare negli emergenti? L’indice Morningstar relativo ai paesi emergenti da tempo sta inseguendo quello dedicato alle aree sviluppate. Il paniere emerging market in un mese (fino al 15 ottobre e in euro) è rimasto praticamente fermo, fotografando a +11,5% l’andamento da inizio anno. Quello dedicato alle zone developed, in quattro settimane, non ha certo brillato (+0,12) ma, da gennaio, ha portato a casa +22,4%.

Indici Morningstar Developed markets ed Emerging markets a confronto

Dati in euro aggiornati al 15 ottobre 2019

Fonte: Morningstar Direct

Anche la categoria Morningstar dedicata ai fondi che investono nei mercati emergenti a livello globale è rimasta praticamente invariata nel mese, segnando +13,4% da inizio anno.

“Le azioni dei mercati emergenti hanno incontrato un periodo difficile a causa delle tensioni commerciali fra Washington e Pechino che non hanno fatto bene al sentiment relativo a paesi che vivono di esportazioni come Cina, Corea del Sud e Taiwan (le società di questi tre stati formano il 60% dell’asset class)”, spiega James Foot, Head of capital markets e asset allocation per l’area Asia-Pacific di Morningstar.  “Questo è uno dei motivi più importanti per cui i mercati emergenti, da inizio anno, sono stati indietro rispetto a quelli sviluppati”.

Corea del Sud e Russia

In un quadro del genere, tuttavia, secondo Foot si aprono delle prospettive di investimento per gli operatori. “Nella situazione attuale, le aree emergenti continuano ad essere fra le nostre preferite”, spiega il gestore. “Più nel dettaglio ci accorgiamo che le opportunità fra gli emerging sono diverse. Sulla Corea del sud, ad esempio, abbiamo una convinzione medio-alta a causa della sottovalutazione di quel mercato”.

Nella tabella in basso sono elencati i cinque fondi della categoria Morningstar Global emerging market con la maggior presenza netta di azionario della Corea del Sud.

Anche gli emergenti dell’Europa dell’Est sono un segmento interessante. “Abbiamo una visione positiva sulla Russia sostenuta dalla nostra conviction sugli emerging del Vecchio continente”, spiega il manager di MIM. “Ci sono valutazioni interessanti che possono dare un rendimento accettabile anche alla luce dei rischi legati al coinvolgimento dello stato nella gestione di alcune società e all’impatto delle sanzioni (seguite all'annessione illegale della Crimea e di Sebastopoli da parte della Federazione Russa, Ndr)”.

Nella tabella sotto sono elencati i cinque fondi della categoria Morningstar Emerging Europe con la maggiore esposizione netta all’azionario della Russia. 

Di Marco Caprotti

Autore: Morningstar Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online