Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.322,57
    -546,80 (-1,57%)
     
  • Nasdaq

    14.564,38
    -405,59 (-2,71%)
     
  • Nikkei 225

    30.183,96
    -56,10 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,1686
    -0,0015 (-0,13%)
     
  • BTC-EUR

    35.285,55
    -1.966,10 (-5,28%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.015,65
    -41,49 (-3,93%)
     
  • HANG SENG

    24.500,39
    +291,61 (+1,20%)
     
  • S&P 500

    4.355,41
    -87,70 (-1,97%)
     

Emissioni auto, Ue: Cingolani su supercar? “Non previste deroghe”

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Bruxelles, 6 set. (askanews) - La legislazione Ue proposta dalla Commissione europea il 14 luglio scorso riguardo agli obiettivi climatici per il 2030 prevede che entro il 2035 tutte le auto nuove immesse sul mercato siano a emissioni zero, e questo senza alcuna eccezione per le auto di lusso. Lo ha sottolineato oggi a Bruxelles un portavoce della Commissione, Tim McPhie, rispondendo a un giornalista che chiedeva se siano in corso negoziati con il ministro italiano della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, che si è detto favorevole a una deroga dalle nuove norme Ue per la produzione di nicchia di auto di lusso come le Ferrari.

"Abbiamo visto i commenti" del ministro Cingolani, ma "noi non commentiamo mai i commenti", ha detto il portavoce durante il briefing quotidiano della Commissione oggi a Bruxelles. "Ciò che posso dire - ha continuato - è ricordare che noi abbiamo presentato un pacchetto di proposte legislative, il 'Fit for 55', nel luglio scorso, che prevede la riduzione del 100% delle emissioni delle auto entro il 2035. E tutte le case automobilistiche dovranno contribuire a questa riduzione".

"Le deroghe oggi esistenti" nella legislazione Ue sulle emissioni delle auto, ha rilevato McPhie, "saranno rimosse per il 2035, come abbiamo proposto a luglio".

Il pacchetto "Fit for 55" proposto dalla Commissione dovrà comunque essere approvato dai co-legislatori, il Parlamento europeo e il Consiglio Ue, "la palla è ora nel loro campo" ha ricordato il portavoce, concludendo di non essere al corrente di negoziati sul pacchetto già iniziati, dopo il 14 luglio, fra la Commissione ed esponenti dei governi degli Stati membri come il ministro Cingolani.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli