Italia markets close in 6 hours 23 minutes
  • FTSE MIB

    23.759,70
    +78,13 (+0,33%)
     
  • Dow Jones

    31.802,44
    +306,14 (+0,97%)
     
  • Nasdaq

    12.609,16
    -310,99 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.027,94
    +284,69 (+0,99%)
     
  • Petrolio

    65,44
    +0,39 (+0,60%)
     
  • BTC-EUR

    45.557,58
    +3.253,84 (+7,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.094,52
    +70,31 (+6,87%)
     
  • Oro

    1.700,40
    +22,40 (+1,33%)
     
  • EUR/USD

    1,1913
    +0,0061 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    3.821,35
    -20,59 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    28.773,23
    +232,40 (+0,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,06
    +12,82 (+0,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8575
    +0,0006 (+0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,1105
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5012
    +0,0018 (+0,12%)
     

En plein di rialzi per il Ftse Mib: Bper vola anche oggi, stecca Enel dopo i conti

Titta Ferraro
·1 minuto per la lettura

Piazza Affari chiude in spolvero anche oggi. Il Ftse Mib ha chiuso oggi a 23.083 punti, in rialzo dello 0,80%. Il saldo settimanale è di quasi +7%, sovraperformando con decisione rispetto a Dax e Wall Street che segnano rialzi tra il 4 e il 5%. Oggi riflettori su Intesa Sanpaolo, salita del 2,61% a 2,061 euro. I numeri del quarto trimestre sono stati migliori del previsto e la banca ha aggiornato le stime sulla sinergie legate all'integrazione di UBI Banca. Il ceo Carlo Messina professa ottimismo. La banca indica un obiettivo di utile 2021 oltre i 3,5 miliardi considerando anche Ubi. "Il nostro impegno è assolutamente di superare questo obiettivo", dice Messina aggiungendo che il target sarà superato "facilmente". Tra le banche si è distinta Bper (+4,71%) che conferma la sua capacità di performare meglio dei peers in questo primo scorcio d'anno. Da inizio anno Bper è il migliori titolo di tutta Piazza Affari con un balzo di oltre il 18% dopo il 2020 difficile chiuso come peggiore blue chip milanese. Rally convinto anche per Unicredit (+2,17%). Oggi il presidente designato di UniCredit, Pier Carlo Padoan, in un'intervista rilasciata a Repubblica ha detto di non escludere nulla in tema di M&A. "Non escludo nulla. Siamo in una fase di profondo cambiamento e la crescita per linee esterne è uno degli strumenti a disposizione, anche se come è ovvio il cda non approverà nessuna operazione che non sia nell'interesse pieno di tutti i suoi azionisti". Tra i segni meno si segnala Enel (-1,27% a 8,447 euro) all'indomani dei numeri preliminari 2020.