Italia markets close in 1 hour 20 minutes
  • FTSE MIB

    21.758,75
    -329,61 (-1,49%)
     
  • Dow Jones

    30.871,67
    -125,31 (-0,40%)
     
  • Nasdaq

    13.706,17
    +163,11 (+1,20%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,36
    +0,09 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    28.407,08
    +917,36 (+3,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    692,88
    +15,99 (+2,36%)
     
  • Oro

    1.854,60
    -1,60 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0047 (-0,39%)
     
  • S&P 500

    3.853,95
    +12,48 (+0,32%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.557,78
    -44,63 (-1,24%)
     
  • EUR/GBP

    0,8875
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0774
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5444
    -0,0055 (-0,35%)
     

Enel traina il rally del Ftse Mib, verso mandato a Starace per cessione Open Fiber

Titta Ferraro
·1 minuto per la lettura

Convinti acquisti oggi su Enel, tra i migliori del Ftse Mib, che fa così da traino al rally di Piazza Affari essendo il titolo di maggior peso di tutto il listino milanese. Il titolo Enel segna a metà seduta +2,26% a 8,227 euro. Le ultime indicazioni stampa si concentrano sul cda di domani che dovrebbe dare mandato all'amministratore delegato Francesco Starace per negoziare la cessione di Open Fiber a Macquarie. In particolare ci sarebbero stati progressi sul confronto tecnico. Secondo il Sole 24 Ore, il negoziato dovrà ancora concentrarsi su elementi importanti quali la governance post cessione e i possibili impatti delle recenti contestazioni di Infratel sul ritardo dei lavori di OF. Focus anche sulle novità in arrivo dalla Spagna. Il governo spagnolo intende spostare gli oneri a sostegno delle rinnovabili, dalla bolletta elettrica ad un fondo nazionale per la sostenibilità del sistema elettrico (FNSSE). Lo spostamento non ha effetti sulla remunerazione delle società (il fondo sarà sostenuto dalla fiscalità, dagli incentivi europei, dagli ETS). Equita SIM ritiene che lo spostamento sarebbe un elemento positivo per il settore poichè elimina un elemento politico e di lobby sulla pressione che lo sviluppo rinnovabili ha portato sulle bollette dei consumatori finali. La sim milanese aggiunge che una misura simile in passato è stata ipotizzata anche per l'Italia e sarebbe un passaggio positivo per favorire lo sviluppo delle rinnovabili.