Italia markets close in 3 hours 26 minutes
  • FTSE MIB

    22.595,08
    +96,19 (+0,43%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,24 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,10 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,46
    +391,25 (+1,39%)
     
  • Petrolio

    52,53
    +0,17 (+0,32%)
     
  • BTC-EUR

    30.397,94
    +224,95 (+0,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    729,11
    -6,03 (-0,82%)
     
  • Oro

    1.836,90
    +7,00 (+0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,2133
    +0,0050 (+0,41%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    29.642,28
    +779,51 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.610,15
    +7,48 (+0,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8907
    +0,0019 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0768
    +0,0012 (+0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,5433
    +0,0038 (+0,25%)
     

Energetici spingono le borse europee sopra la parità

Luca Fiore

Il comparto energetico (+0, 44%) spinge i listini europei sopra la parità: a metà seduta Londra segna un rialzo dello 0,3%, Francoforte registra un +0,23% e Parigi sale di mezzo punto percentuale. Sul listino della City, in particolare evidenza Tullow Oil (+2,23%), Royal Dutch Shell (+1,26%) e BP (+0,63%). Rally per Ocado (+5,04%) nel giorno dei numeri dei primi sei mesi e crollo verticale per il broker TP ICAP (-34,17%), dopo la notizia del licenziamento del chief executive, John Phizackerley. In agenda macro l’indice Zew tedesco, sceso a luglio a -24,7 punti contro i -16,1 punti di giugno, portandosi sui minimi dall'agosto 2012 e ben al di sotto della media di lungo periodo a 23,2 punti. "L'ultimo periodo è stato caratterizzato da una grande incertezza politica. In particolare, i timori di un'escalation della guerra commerciale internazionale con gli Stati Uniti hanno smorzato le prospettive economiche. Le notizie positive riguardanti la produzione industriale, gli ordini in entrata e il mercato del lavoro sono state fortemente offuscate dai previsti effetti negativi sul commercio estero", ha commentato il presidente dell'istituto Zew, Achim Wambach. Per quanto riguarda la Zona Euro, lo Zew è passato da -12,6 a -18,7 punti, con gli analisti che avevano stimato un calo più contenuto a -13,2 punti. Il dato relativo il nostro Paese ha segnato un rialzo di 11,2 punti portandosi a -37,2 punti. Dal fronte statunitense, sopra le stime il NFIB (National Federation of Independent Business), passato da 107,8 a 107,2 punti. Gli analisti avevano stimato 105,6 punti. Nella seconda parte sarà la volta dell’indice JOLTS (Job Openings And Labor Turnover Summary), quello che misura le offerte di lavoro negli Stati Uniti.