Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.490,89
    +765,38 (+2,66%)
     
  • Nasdaq

    10.815,43
    +239,82 (+2,27%)
     
  • Nikkei 225

    26.215,79
    +278,58 (+1,07%)
     
  • EUR/USD

    0,9826
    +0,0025 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    19.920,62
    +291,38 (+1,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    444,05
    +8,70 (+2,00%)
     
  • HANG SENG

    17.079,51
    -143,32 (-0,83%)
     
  • S&P 500

    3.678,43
    +92,81 (+2,59%)
     

Energia, misure domani in Commissione Ue ma annuncio mercoledì

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Strasburgo, 12 set. (askanews) - Le proposte formali della Commissione europea contro il caro energia, attese per domani pomeriggio dopo la discussione del collegio dei commissari a Strasburgo, non saranno pubblicate fino a mercoledì.

Lo ha annunciato stasera il servizio del Portavoce della Commissione, precisando che la pubblicazione delle decisioni dell'Esecutivo Ue sull'energia avverrà con una conferenza stampa mercoledì pomeriggio, dopo l'importante "discorso sullo stato dell'Unione" che la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, terrà a Strasburgo la mattina dello stesso giorno, davanti alla Plenaria dell'Europarlamento.

L'inusuale tempistica, in realtà, appare chiaramente pensata in modo da dare il massimo impatto mediatico alle dichiarazioni che von der Leyen farà durante il suo discorso in plenaria.

Con tutta probabilità, il discorso sullo stato dell'Unione conterrà tutti i dettagli e le cifre ancora mancanti delle proposte formali della Commissione, già conosciute a grandi linee dopo la pubblicazione ufficiale di un "non paper" la settimana scorsa e il dibattito che si è svolto nel Consiglio straordinario Energia di venerdì 9 settembre a Bruxelles.

Il collegio dei commissari di domani dovrebbe discutere e approvare anche altre quattro misure, che saranno rese pubbliche più tardi: un testo sulla tutela della libertà di stampa ("Media Freedom Act"), una misura contro l'importazione di prodotti da paesi terzi fabbricati con il ricorso al lavoro forzato nei paesi terzi, una misura sulla sicurezza cibernetica ("Cyber Resilience"), e infine uno "strumento d'emergenza per il mercato unico" ("Single Market Emergency Instrument"), un meccanismo per rispondere rapidamente alle emergenze e alle crisi che minacciano il funzionamento del mercato unico, in particolare per quanto riguarda i rischi d'interruzione delle catene di approvvigionamento in aree strategiche.