Italia markets close in 4 hours 57 minutes
  • FTSE MIB

    20.745,69
    -215,69 (-1,03%)
     
  • Dow Jones

    29.134,99
    -125,82 (-0,43%)
     
  • Nasdaq

    10.829,50
    +26,58 (+0,25%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • Petrolio

    78,99
    +0,49 (+0,62%)
     
  • BTC-EUR

    19.769,93
    -1.521,76 (-7,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    432,70
    -26,44 (-5,76%)
     
  • Oro

    1.637,20
    +1,00 (+0,06%)
     
  • EUR/USD

    0,9573
    -0,0025 (-0,26%)
     
  • S&P 500

    3.647,29
    -7,75 (-0,21%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.302,01
    -26,64 (-0,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8975
    +0,0037 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    0,9468
    -0,0047 (-0,49%)
     
  • EUR/CAD

    1,3186
    +0,0016 (+0,12%)
     

Energia, Passera: 'Serve operazione di resistenza europea, l'Italia aumenti la produzione'

(Adnkronos) - Serve un mix di azioni per far respirare il sistema imprenditoriale italiano dal caro energia e l'intera Europa deve muoversi unita dimostrando alla Russia di saper resistere. Questa la strada indicata da Corrado Passera, ceo e fondatore di illimity Bank che sulla situazione e sulla strategia da adottare ha idee ben chiare.

'Sull'energia -dice all'Adnkronos- abbiamo un problema serio a livello europeo e a livello europeo va affrontato. Dobbiamo aggiustare i meccanismi di definizione dei prezzi, dobbiamo aumentare le fonti di energia, dobbiamo ridurre i consumi e dobbiamo fare una grande operazione di resistenza a livello europeo. Noi -sottolinea- dobbiamo dimostrare alla Russia che l'Europa può resistere, può resistere a lungo, è unita e solo se dimostreremo questo potremmo arrivare a una pace duratura e alla fine della crisi''.

Secondo Passera si deve intervenire sulla ''commistione sbagliata tra il prezzo del gas e il prezzo dell'elettricità. Una commistione che viene esasperata dai meccanismi marginali che presiedono al funzionamento delle due Borse di Amsterdam e Lipsia”. Di conseguenza questo ''è un meccanismo da aggiustare, dipende soltanto da noi e si può fare''. Poi è ovvio che in termini di consumo ''dovremmo arrivare a dei risparmi o addirittura dei razionamenti per un certo periodo''. Quanto al tema delle altre fonti ''mi ritorna in mente come affrontammo questo tema nel 2012: si avviò il Tap, e oggi si potrebbe raddoppiare l’attuale portata di 8-10 miliardi di metri cubi; si alzò il limite delle estrazioni dai giacimenti italiani da 8 a 14 miliardi di metri cubi e purtroppo ne frattempo le estrazioni invece di aumentare, sono diminuite; si avviò la predisposizione di due rigassificatori a Porto Empedocle e a Gioia Tauro per un totale di 20 miliardi di metri cubi, progetti non realizzati e si liberalizzò lo storage per aumentare le capienze. Molti degli interventi necessari avranno comunque tempi medio lunghi per essere realizzati. Nel frattempo, bisogna aiutare le famiglie e le imprese più in difficoltà. Può darsi che i singoli Paesi non siano in grado di resistere con proprie risorse e dobbiamo prendere spunto da quanto siamo riusciti a fare durante il Covid con il Next Generation Europe”.