Italia markets open in 1 hour 1 minute
  • Dow Jones

    33.821,30
    -256,33 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    13.786,27
    -128,50 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.527,01
    -573,37 (-1,97%)
     
  • EUR/USD

    1,2035
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    45.919,71
    -382,30 (-0,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.267,96
    +33,54 (+2,72%)
     
  • HANG SENG

    28.640,32
    -495,41 (-1,70%)
     
  • S&P 500

    4.134,94
    -28,32 (-0,68%)
     

Energica: fatturato in crescita del 91% nel 2020. Confermate aspettative per 2021 e avviato nuovo piano di investimenti

simone borghi
·1 minuto per la lettura

Energica ha chiuso l'esercizio 2020 con un fatturato pari a 6 milioni di euro, con una decisa crescita del +91% rispetto all'anno precedente. Il maggior contributo alla crescita è determinato dal core business, e quindi dalla vendita di motocicli. Migliora l’EBITDA, negativo per 4,4 milioni rispetto al risultato negativo per 4,9 milioni dell’esercizio precedente, sostenuto dall’andamento dei ricavi totali. L’EBIT si attesta a -6,2 milioni, in miglioramento rispetto a -7,6 milioni del 2019. La perdita netta è di 6,3 milioni, in miglioramento rispetto al risultato negativo per 7,7 milioni al 31 dicembre 2019. L'indebitamento finanziario netto è pari a 1,6 milioni, rispetto a una PFN pari a 0,6 milioni al 30 giugno 2020. Energica ha confermato le aspettative di crescita per l’anno 2021, nonostante il perdurare della crisi sanitaria COVID-19, con ordinato relativo alla vendita di veicoli alla data odierna già pari al 60% del fatturato totale 2020. Infine, Energica ha avviato il piano di investimenti per il 2021 finalizzato allo sviluppo del piano di cost saving. L’obiettivo è la riduzione dei costi di produzione del 2% partendo dal primo semestre 2021, e arrivando ad un saving del 19% entro la fine del secondo semestre. La società punta ad un miglioramento sul costo di produzione medio del 8% nel 2021 e di oltre il 20% nel 2022. Il piano prevede investimenti totali per circa 2,2 milioni, di cui 1,9 affidati al settore Ricerca e Sviluppo.