Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.115,62
    -183,71 (-0,54%)
     
  • Nasdaq

    14.079,21
    +6,35 (+0,05%)
     
  • Nikkei 225

    29.291,01
    -150,29 (-0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,2018
    -0,0115 (-0,95%)
     
  • BTC-EUR

    32.356,66
    -1.270,75 (-3,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    965,32
    -27,15 (-2,74%)
     
  • HANG SENG

    28.436,84
    -201,69 (-0,70%)
     
  • S&P 500

    4.235,94
    -10,65 (-0,25%)
     

Energie rinnovabili: Italia resta indietro, non tiene passo sostenuto dell’Europa

·1 minuto per la lettura

A livello globale il mercato delle rinnovabili è in forte espansione, con una crescita che non si è arrestata nemmeno con il Covid. In particolare, l’Europa ha “festeggiato” nel 2020 lo sfondamento di quota 650 GW di potenza complessivamente installata, con il fotovoltaico e l’eolico che hanno superato la soglia rispettivamente dei 160 e 200 GW in poco più di un decennio. La marcia verso la completa decarbonizzazione, che l’Europa si è posta come obiettivo per il 2050, è dunque avviata e sta catalizzando l’interesse del mondo industriale e finanziario. L'Italia, invece, non è riuscita a tenere il passo europeo. Anzi, nel decennio ha mostrato una capacità di crescita decisamente inferiore a quanto fatto registrare dall’Europa, con uno stallo che è cominciato già nel 2018 e quindi ben prima della pandemia. E' quanto emerge dal settimo Rapporto sulle energie rinnovabili in Italia redatto dall’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano, e presentato oggi. Dallo studio emerge che la nuova potenza da rinnovabili installata nel nostro Paese nel 2020 è stata di 784 MW, il 35,4% in meno (427 MW) rispetto al 2019, a causa soprattutto del calo dei nuovi impianti eolici, precipitati del 79% dai 413 MW del 2019 agli appena 85 MW del 2020. Come sempre, lo scorso anno è stato il fotovoltaico a guidare la classifica delle installazioni con 625 MW, mentre l’idroelettrico si è fermato a 66 MW e le biomasse a 8 MW.