Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.178,80
    +171,40 (+0,78%)
     
  • Dow Jones

    30.218,26
    +248,74 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    12.464,23
    +87,05 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,09
    +0,45 (+0,99%)
     
  • BTC-EUR

    15.717,37
    +1,59 (+0,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    365,19
    -14,05 (-3,71%)
     
  • Oro

    1.842,00
    +0,90 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0022 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.699,12
    +32,40 (+0,88%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.539,27
    +22,17 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,9019
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5490
    -0,0127 (-0,81%)
     

Eni conferma solidità bilancio dopo perdita trim3

di Stephen Jewkes
·2 minuto per la lettura
Logo Eni ad Abuja, in Nigeria
Logo Eni ad Abuja, in Nigeria

di Stephen Jewkes

MILANO (Reuters) - Eni ha rassicurato oggi sulla solidità del proprio bilancio dopo aver annunciato un terzo trimestre in rosso a causa dell'impatto della crisi di coronavirus.

Eni ha registrato nel periodo una perdita netta adjusted di 0,15 miliardi di euro, in linea con il consensus degli analisti fornito dall'azienda di una perdita di 0,18 miliardi di euro.

La produzione nel periodo è diminuita del 10% a 1,7 milioni di barili al giorno di petrolio equivalente, anche se Eni ha confermato il suo target annuale all'interno del range di 1,72-1,74 milioni di barili al giorno di petrolio equivalente.

Ieri BP ha segnalato che il ritmo della ripresa dalle conseguenze della pandemia rimarrà incerto e continuerà a pesare sulla domanda di carburante e sugli utili di raffinazione.

Eni, che ha affermato di disporre di una riserva di liquidità di circa 17,4 miliardi di euro, ha generato un cash flow operativo di oltre 5 miliardi di euro nei primi nove mesi del 2020, in calo del 44% rispetto all'anno precedente, dopo aver tagliato costi e investimenti a inizio anno.

"Questi risultati certificano la nostra solida struttura patrimoniale che è stata ulteriormente rafforzata dalle due emissioni ibride da 3 miliardi di euro effettuate a ottobre", ha detto l'AD Claudio Descalzi.

A luglio Eni ha tagliato il dividendo e ha annunciato ulteriori tagli ai costi, dopo aver accusato una perdita netta adjusted, in quello che il gruppo ha definito il peggior trimestre della storia dell'industria petrolifera e del gas.[nL5N2F13GD]

Descalzi ha definito il contesto di mercato molto difficile, ma ha ribadito che il gruppo sta progredendo nella propria strategia di decarbonizzazione.

All'inizio dell'anno Eni ha promesso di tagliare dell'80% le proprie emissioni di gas serra, in una delle maggiori spinte ecologiche in un settore sotto crescente pressione da parte degli investitori.

Intorno alle 15 il titolo Eni cede il 2,5%.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Maria Pia Quaglia, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com,+4858775278)