Italia markets closed

Eni, Descalzi: ora urgente accelerare la transizione energetica

Glv

Roma, 30 giu. (askanews) - Per l'Eni ora "ci sar un'accelerazione del piano di transizione energetica, un piano di trasformazione che coinvolge tutti i nostri asset, dalla chimica alle raffinerie, delle quali due le abbiamo gi trasformate in bioraffinerie". Lo ha affermato l'amministratore delegato Claudio Descalzi, secondo cui "questo piano dovr essere accelerato, anche perch dobbiamo allontanarci dalle fluttuazioni di un mercato altamente volatile, e non a causa del Covid, che ha solo enfatizzato una volatilit che durava da anni".

"Per noi - ha sottolineato l'ad ai microfoni di Sky Tg24 - accelerare la trasformazione un'opportunit e un'urgenza, con l'obiettivo di ridurre le emissioni in linea con l'obiettivo di temperatura (climatica) della Cop21".

A livello di scenario "siamo in presenza di diversi fatti: il Covid, l'andamento dei prezzi e dei consumi, le situazioni di pressione geopolitica come quelle libica, siriana, iraniana e mediorientale. Situazioni che c'erano gi, che stanno proseguendo e talvolta trovano nuovi assetti con nuovi attori che entrano".

Molti paesi produttori di petrolio e gas "vivono di risorse energetiche e gi da sei anni erano sotto pressione, prima di cadere nella situazione attuale. La struttura industriale in questi paesi dovr assolutamente cambiare, ci dovr essere una diversificazione. Una diversificazione che per molti di questi paesi significa autosufficienza in settori come l'alimentare, l'agricolo, il farmaceutico o la stessa energia".

"Le politiche industriali di diversificazione - ha aggiunto Descalzi - dal punto di vista delle tecnologie, della comunicazione, dei rapporti tra centri di ricerca e universit, portano una necessaria globalizzazione. Il Covid ha accentuato la trasformazione futura di alcuni sistemi, e non solo nei paesi in via di sviluppo".