Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.069,28
    -131,39 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.890,20
    -162,14 (-1,15%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2037
    +0,0056 (+0,47%)
     
  • BTC-EUR

    45.863,71
    -307,53 (-0,67%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.243,55
    -55,41 (-4,27%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.162,71
    -22,76 (-0,54%)
     

Eni e Fnm: collaborazione per accelerare transizione energetica nei trasporti

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Eni e Fnm si muovono verso la decarbonizzazione. L'ultima collaborazione annunciata oggi va in questa direzione. Il gruppo energetico e quello lombardo dei trasporti hanno, infatti, firmato una lettera di intenti con la quale avviano una collaborazione strategica finalizzata a velocizzare i processi di transizione a nuove fonti di energia. La lettera di intenti, sottoscritta dal pPresidente di Fnm, Andrea Gibelli, e dal direttore generale energy evolution di Eni, Giuseppe Ricci, prevede la definizione di possibili collaborazioni e iniziative nei seguenti ambiti: l’introduzione di carburanti e vettori energetici in grado di ridurre le emissioni di Co2 per i motori termici dei mezzi di trasporto; l’introduzione di modelli di cattura, stoccaggio o utilizzo della Co2 generata nei processi di produzione dell’idrogeno da destinare ai mezzi di trasporto; l’introduzione di punti di distribuzione dell’idrogeno per la mobilità privata su strada. La collaborazione, si legge nel comunicato, si inserisce anche nel contesto del progetto H2iseO di Fnm e Trenord (società partecipata da Fnm), che punta a far diventare il Sebino e la Valcamonica la prima "Hydrogen Valley" italiana e ha l’obiettivo di valutare ed implementare una serie di iniziative nel breve e lungo termine utili al raggiungimento dei target di decarbonizzazione del settore dei trasporti fissati dalla strategia europea e dal piano nazionale integrato per l'energia e il clima italiano.