Italia markets open in 4 hours 33 minutes
  • Dow Jones

    34.269,16
    -473,66 (-1,36%)
     
  • Nasdaq

    13.389,43
    -12,43 (-0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.376,50
    -232,09 (-0,81%)
     
  • EUR/USD

    1,2137
    -0,0015 (-0,12%)
     
  • BTC-EUR

    47.219,79
    +845,43 (+1,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.546,99
    +1.304,31 (+537,46%)
     
  • HANG SENG

    28.115,11
    +101,30 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    4.152,10
    -36,33 (-0,87%)
     

Eni, netto adj trim1 balza grazie a recupero Brent, produzione idrocarburi cala 5%

·2 minuto per la lettura
Il logo Eni davanti alla sede a San Donato Milanese

MILANO (Reuters) - Il gruppo Eni archivia il primo trimestre con un balzo dell'utile netto adjusted (senza le componenti straordinarie) che si attesta a 270 milioni di euro, pari a quasi cinque volte quello conseguito nel primo trimestre 2020, grazie al forte recupero del prezzo del Brent cresciuto del 21% nello stesso periodo.

Il dato è al di sotto del consensus degli analisti fornito dalla società di 440 milioni.

In una nota, la major petrolifera sottolinea che l'Ebit adjusted è stato pari a 1,3 miliardi, in forte crescita rispetto al quarto trimestre 2020 (+171%) a parità di produzione (1,7 milioni barili/giorno). Rispetto allo stesso trimestre del 2020 è stabile.

La produzione d'idrocarburi del primo trimestre raggiunge quota 1,7 milioni di barili/giorno in calo di circa il 5% rispetto al primo trimestre 2020 (al netto dei tagli Opec+, dell'effetto prezzo positivo dei PSA e del portafoglio).

Nel R&M il risultato operativo adjusted registra una perdita di 159 milioni nel trimestre in netto peggioramento rispetto al trimestre di confronto a causa dello scenario sfavorevole della raffinazione e della riduzione delle vendite di prodotti petroliferi per la perdurante crisi della domanda di carburanti nei principali mercati di riferimento (Italia ed Europa Occidentale) dovuta alle misure anti-Covid-19, spiega il comunicato.

L'utile operativo adjusted Egl, Power & Renewables è pari a 202 milioni nel trimestre (+6% rispetto al periodo di confronto) nonostante lo scenario ancora recessivo dell'economia italiana.

Nel commentare i risultati l'AD, Claudio Descalzi, sottolinea che "il trimestre ha registrato una generazione di cassa organica prima della variazione del capitale circolante di circa 2 miliardi, nettamente superiore agli investimenti del periodo di 1,4 miliardi. Il progressivo miglioramento del quadro pandemico ed economico a livello globale ci consente di guardare con ottimismo ai prossimi mesi e di prevedere una generazione di free cash flow nell'anno superiore a 3 miliardi sulla base dei prezzi correnti del Brent di 60 dollari al barile".

Infine, guardando alle stime per l'anno, il gruppo conferma la produzione di idrocarburi pari a circa 1,7 milioni di barili giorno e, alla fine di luglio, sarà comunicato l'aggiornamento della previsione del Brent di riferimento 2021 che contribuirà alla determinazione della componente variabile del dividendo e della possibile riattivazione del buy-back nel 2021.

Il comunicato evidenzia che "al floor dividend di 0,36 euro per azione, verrà sommata una componente variabile di valore crescente a partire da un Brent di riferimento pari a 43 dollari al barile. Il buy-back sarà attivato a partire da un Brent di riferimento di 56 dollari al barile".

(Giancarlo Navach, in redazione Stefano Bernabei)