Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,20 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,17
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    28.673,10
    +737,30 (+2,64%)
     
  • CMC Crypto 200

    786,33
    -7,40 (-0,93%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8560
    +0,0013 (+0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0003 (+0,02%)
     

Eni-Nigeria, ministero Giustizia avvia inchiesta dopo indagine sui pm

·2 minuto per la lettura
Logo di Eni presso una stazione di servizio a Roma

MILANO (Reuters) - Il ministero della Giustizia ha avviato un'inchiesta amministrativa per ricostruire i fatti che hanno condotto all'iscrizione sul registro degli indagati dei due magistrati della procura di Milano che hanno condotto l'inchiesta e poi rappresentato l'accusa nel processo sulle presunte tangenti Eni e Shell in Nigeria.

Lo riferisce il ministero in una breve nota in cui comunica che l'indagine è relativa a quella che definisce la "vicenda del processo Eni-Nigeria".

"Dopo la diffusione di notizie in merito all'iscrizione nel registro degli indagati di due pm della Procura di Milano e alla luce del deposito delle motivazioni della sentenza del Tribunale di Milano - si legge nel comunicato - il ministero ha chiesto all'ispettorato di svolgere accertamenti preliminari, al fine di una corretta ricostruzione dei fatti, attraverso l'acquisizione degli atti necessari".

Il procuratore aggiunto di Milano Fabio De Pasquale e il pm Sergio Spadaro da oltre due settimane sono indagati per omissione d'atti d'ufficio dalla procura di Brescia.

Il fascicolo bresciano è stato aperto dopo che un altro pm milanese, Paolo Storari, indagato per rivelazione di segreto d'ufficio per una vicenda collegata a un altro fascicolo di inchiesta su Eni, aveva dichiarato che i due magistrati non avevano acquisito nel loro fascicolo alcuni esiti di indagine inviati loro dallo stesso Storari, che sarebbero stati prove a discarico di Eni e degli imputati nel processo sulla Nigeria.

Il Tribunale di Milano lo scorso 17 marzo ha assolto tutti gli imputati, 13 persone più le società Eni e Shell, "perché il fatto non sussiste" dall'accusa di aver pagato oltre un miliardo di dollari di tangenti per la concessione di un giacimento petrolifero nigeriano.

I giudici nelle loro motivazioni depositate lo scorso 9 giugno hanno espresso pesanti e irrituali critiche alla condotta processuale della procura.

De Pasquale e Spadaro non hanno commentato. Il procuratore capo di Milano la settimana scorsa ha diffuso una nota a sostegno dei suoi pm.

(Emilio Parodi, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, mailto:emilio.parodi@thomsonreuters.com; +39 02 66129523)

(Reporting by Emilio Parodi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli