Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    47.834,81
    +1.638,06 (+3,55%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0100 (+0,83%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8694
    +0,0012 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4751
    +0,0088 (+0,60%)
     

Eni: utile netto adjusted balza a 270 mln nel I trimestre 2021

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

Eni ha annunciato i risultati dei primi tre mesi del 2021 archiviati con un utile netto adjusted, ovvero al netto delle poste non ricorrenti, in crescita a 270 milioni di euro contro i 59 milioni conseguiti nell'analogo periodo di un anno fa (consensus Bloomberg a 415,5 milioni) L'Ebit rettificato, pari a 1,321 miliardi, è sostanzialmente in linea con il primo trimestre dello scorso anno ma risulta quasi triplicato rispetto a fine 2020. Il trimestre ha registrato una generazione di cassa organica prima della variazione del capitale circolante di circa 2 miliardi, superiore agli investimenti del periodo di 1,4 miliardi. Il Cane a sei zampe sottolinea che il primo trimestre è stato caratterizzato dal rafforzamento dello scenario upstream in linea con l’andamento dei benchmark: il petrolio Brent a 61 dollari al barile (+21% rispetto al primo trimestre 2020; +38% contro il quarto trimestre 2020. I prezzi di realizzo Eni non recepiscono completamente tale miglioramento a causa dell’apprezzamento di circa il 10% del cambio euro/dollaro. “In un primo trimestre ancora fortemente caratterizzato dagli effetti dei lockdown Eni ha evidenziato una robusta ripresa dei risultati, in particolare nel settore E&P e nella chimica - commenta l'a.d. Claudio Descalzi -. Prosegue la crescita del nostro business retail G&P (+19% l’EBIT rispetto al 2020), grazie alla espansione dei clienti power e dei servizi extra-commodity. La performance di R&M è stata invece penalizzata dalla ridotta domanda di carburanti in Europa, derivante dalla pandemia, e da un margine di raffinazione negativo".