Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.898,89
    +337,74 (+1,27%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,0122%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8893
    +0,0034 (+0,39%)
     
  • EUR/CHF

    1,0771
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5494
    +0,0119 (+0,77%)
     

Episodi sfavorevoli e il tradimento di Vidal: ora l'Inter può solo vincere e sperare per raddrizzare il 'percorso'

Stefano Bertocchi
·1 minuto per la lettura

L'Inter ha un piede (e mezzo) fuori dalla Champions League. Dopo il ko di San Siro contro il Real Madrid, i nerazzurri sono obbligati a vincere le restanti due partite del girone e augurarsi che il Borussia Mönchengladbach non raccolga neanche un punto nell'ultimo incrocio con i Blancos. Vincere e sperare: il destino non è più nelle mani dei ragazzi di Antonio Conte.

E proprio il tecnico salentino, che alla vigilia aveva parlato della partita come di una 'finale', si è trovato davanti un match preparato in un modo e che si è velocemente sviluppato in un altro, complici anche gli episodi sfavorevoli (dal rigore fischiato contro pochi minuti dopo l'inizio fino a quelli negati a Vidal e Gagliardini) e il tradimento di Arturo Vidal. Proprio l'uomo che Conte ha voluto al suo fianco anche a Milano per far fare il salto di qualità all'Inter in Europa, ma che in Champions League ha finora fatto solo danni.

Internazionale v Real Madrid - UEFA Champions League | Soccrates Images/Getty Images
Internazionale v Real Madrid - UEFA Champions League | Soccrates Images/Getty Images

L'ultimo è il rosso rimediato contro il Real per un'inutile ed evitabile protesta - da ammonito - di stizza contro il direttore di gara che ha tagliato le gambe all'Inter, che da quel momento in poi ha dovuto fare i conti con il preciso palleggio di Modric e soci e con i fantasmi europei che da anni ormai aleggiano su Appiano Gentile. Un passo indietro che presto potrebbe essere ufficializzato in fallimento. Ora resta vincere e sperare, con un 'percorso' che sarebbe - finalmente - da indirizzare sui giusti binari.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo dell'Inter e della Serie A!