Italia markets open in 5 hours 7 minutes
  • Dow Jones

    28.725,51
    -500,09 (-1,71%)
     
  • Nasdaq

    10.575,62
    -161,88 (-1,51%)
     
  • Nikkei 225

    25.971,59
    +34,38 (+0,13%)
     
  • EUR/USD

    0,9828
    +0,0027 (+0,28%)
     
  • BTC-EUR

    19.574,11
    -210,55 (-1,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    437,39
    -6,03 (-1,36%)
     
  • HANG SENG

    17.142,88
    -79,95 (-0,46%)
     
  • S&P 500

    3.585,62
    -54,85 (-1,51%)
     

Erdogan a Leopoli: "Noi mediatori, ma siamo al fianco dell'Ucraina"

La guerra, i combattimenti vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, le esportazioni di grano ucraino. Sono stati molti i temi caldi sul tavolo dell'incontro trilaterale tenutosi a Leopoli, tra i presidenti di Ucraina e Turchia e il Segretario generale delle Nazioni Unite.

Recep Tayyip Erdogan ha portato un messaggio conciliante dalla Russia. Volodymyr Zelenskyy si è detto stupito e ha escluso qualsiasi negoziato di pace con Mosca senza il preventivo ritiro delle truppe russe dal territorio ucraino. "Sono molto sorpreso di sentire che i russi sono pronti a una sorta di pace. Le persone che uccidono, stuprano, colpiscono le nostre città civili con missili da crociera ogni giorno non possono volere la pace. Prima dovrebbero lasciare il nostro territorio".

Guterres: "C'è ancora molta strada da fare"

Il Segretario Generale dell'Onu vuole accelerare le spedizioni umanitarie di grano ucraino ai Paesi più poveri, nella speranza di vedere finalmente la luce in fondo al tunnel. Un totale di 25 navi cariche di grano hanno finora lasciato i porti ucraini, dopo la firma dell'accordo tra Kiev e Mosca, mediato proprio da Onu e Turchia.

"Stiamo vedendo segnali che i mercati alimentari globali stanno iniziando a stabilizzarsi, ma non facciamoci illusioni", ha detto il portoghese. "C'è ancora molta strada da fare prima che queste novità si traducano nella vita quotidiana. E in quel mercato le catene di approvvigionamento sono ancora interrotte e i costi energetici e di trasporto rimangono inaccettabilmente alti".

Il blocco di queste esportazioni per mesi dopo l'invasione russa ha fatto impennare i prezzi dei prodotti alimentari e ha fatto temere una carestia in alcuni Paesi.

Erdogan: "Siamo al fianco dell'Ucraina"

Il presidente turco ha espresso la sua preoccupazione per i combattimenti nei pressi dell'impianto di Zaporizhizhia, preoccupazione condivisa dai governi di tutta Europa. "Non vogliamo vivere un'altra Chernobyl", ha dichiarato Erdogan. "La Turchia sta esercitando la sua influenza per porre fine al conflitto attraverso una soluzione diplomatica, così come è stata e continuerà ad essere al fianco dei nostri amici ucraini".

Amici e partner con un grande futuro davanti. La Turchia non era solo uno dei principali fornitori dell'esercito ucraino prima del conflitto. Durante la visita di Erdogan, i due governi hanno firmato un accordo per la ricostruzione delle infrastrutture dell'Ucraina, un Paese in cui ampie zone sono state completamente devastate dalle bombe russe.