Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,20 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,17
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    29.331,79
    +309,29 (+1,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    786,33
    -7,40 (-0,93%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8560
    +0,0013 (+0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0003 (+0,02%)
     

ESCLUSIVA - Da big energia offerte per progetto Lng Qatar malgrado rendimenti più bassi

·2 minuto per la lettura
Il logo di Qatar Petroleum a Doha

di Ron Bousso e Dmitry Zhdannikov

LONDRA (Reuters) - Sei grandi major energetiche occidentali intendono partecipare alla vasta espansione della produzione di gas naturale liquefatto in Qatar, aiutando lo stato del Golfo a consolidare una posizione dominante come produttore di Lng, laddove diversi progetti a livello mondiale si sono arenati.

Lo hanno riferito a Reuters alcune fonti del settore.

A Exxon Mobil, Royal Dutch Shell, TotalEnergies e ConocoPhillips - già coinvolte nell'attuale produzione di Lng in Qatar - si sono unite Chevron ed Eni, presentando offerte il 24 maggio per il progetto d'espansione, secondo le fonti.

Le offerte mostrano che i giganti del settore energetico continuano ad avere un interesse per investimenti in progetti competitivi legati a gas e petrolio, nonostante la crescente pressione sul settore da parte di governi, investitori e attivisti per ridurre le emissioni di gas serra.

A differenza dei primi progetti di Lng in Qatar negli anni Novanta e Duemila, quando il paese era fortemente dipendente dalla conoscenza tecnica e dalle capienti tasche delle major petrolifere internazionali, la società petrolifera nazionale, Qatar Petroleum (QP), ha avviato per conto proprio lo sviluppo del progetto d'espansione North Field, da quasi 30 miliardi di dollari.

Tuttavia, sta cercando di allearsi con le major petrolifere per cercare di condividere il rischio finanziario legato allo sviluppo e aiutare a vendere i volumi addizionali di Lng prodotti in Qatar.

"Non ritengo che QP abbia bisogno della conoscenza delle società petrolifere internazionali nella costruzione upstream o midstream del progetto, ma saranno lieti di vedere qualcuno farsi carico di una parte dei volumi di Lng", ha detto un'alta fonte del settore, appartenente a una delle sei major sopraccitate.

L'interesse delle aziende nell'espansione del Qatar arriva nonostante i rendimenti relativamente bassi.

QP ha offerto ai bidder internazionali rendimenti di circa 8%-10% sull'investimento, in calo rispetto ai rendimenti di circa il 15%-20% che Exxon, Total, Shell e Conoco hanno visto dai primi impianti LNG, secondo fonti di tre società coinvolte.

I rendimenti del progetto Qatar non sono mai stati resi noti in precedenza.

Le sei società e QP non hanno commentato i termini delle offerte.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli