Italia markets open in 6 hours 15 minutes
  • Dow Jones

    30.924,14
    -345,95 (-1,11%)
     
  • Nasdaq

    12.723,47
    -274,28 (-2,11%)
     
  • Nikkei 225

    28.380,54
    -549,57 (-1,90%)
     
  • EUR/USD

    1,1965
    -0,0014 (-0,12%)
     
  • BTC-EUR

    39.110,24
    -3.555,27 (-8,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    935,74
    -51,47 (-5,21%)
     
  • HANG SENG

    28.667,14
    -569,65 (-1,95%)
     
  • S&P 500

    3.768,47
    -51,25 (-1,34%)
     

"Esistono due magistrature e due giustizie". Parola di Luca Palamara

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·2 minuto per la lettura
Luca Palamara (Photo: ANSA)
Luca Palamara (Photo: ANSA)

“Esistono tanti Palamara quanti ne servono per gestire con successo situazioni complesse e delicate. Del resto esistono anche due magistrature e due giustizie, il mio compito in quel momento era di tenerle insieme”. I cultori del diritto e, molto più probabilmente, gli studenti di Giurisprudenza salteranno dalla sedia a leggere queste parole. Eppure, nella risposta che Luca Palamara dà ad Alessandro Sallusti nel libro “Il sistema. Potere, politica, affari: storia segreta della magistratura italiana”, uscito oggi ed edito da Rizzoli, è sintetizzato il meccanismo che, l’ex presidente dell’Anm è pronto a giurarci, ha caratterizzato gli ultimi decenni di storia della magistratura. Potere che si intreccia con altro potere, sempre protagonista delle vicende più salienti che hanno attraversato, e sconvolto, l’Italia.

Palamara non veste più la toga dal 9 ottobre 2020. Dal giorno in cui il Csm, di cui lui aveva fatto parte dal 2014 al 2018, lo ha radiato. Una deliberazione che è arrivata un anno e mezzo dopo l’emersione di quelli che sono passati alla cronaca come I fatti dell’hotel Champagne. Quando cioè, la notte tra l′8 e il 9 maggio 2019, Palamara e cinque consiglieri del Csm si incontravano con Luca Lotti e Cosimo Ferri per stabilire chi avrebbe dovuto essere il nuovo capo della procura di Roma. Il successore di Giuseppe Pignatone. Le intercettazioni - captate dal trojan inoculato nel cellulare di Luca Palamara che era sotto inchiesta per una vicenda di presunta corruzione con l’imprenditore suo amico Fabrizio Centofanti - hanno suscitato lo sdegno dell’opinione pubblica. Palamara è a processo a Perugia, è stato espulso dall’Anm e, dicevamo, ha dovuto lasciare il suo lavoro. Ma di quel sistema che racconta per filo e per segno nelle pagine del libro era uno dei vertici. Non il solo attore.

Ed eccoli gli attori, elencati...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.