Italia markets open in 1 hour 48 minutes
  • Dow Jones

    29.926,94
    -346,96 (-1,15%)
     
  • Nasdaq

    11.073,31
    -75,29 (-0,68%)
     
  • Nikkei 225

    27.099,10
    -212,20 (-0,78%)
     
  • EUR/USD

    0,9798
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • BTC-EUR

    20.358,64
    -537,96 (-2,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    453,96
    -9,16 (-1,98%)
     
  • HANG SENG

    17.809,40
    -202,75 (-1,13%)
     
  • S&P 500

    3.744,52
    -38,76 (-1,02%)
     

Etiopia, piloti si addormentano in volo e mancano atterraggio

(Adnkronos) - I due piloti di un Boeing 737 partito da Khartoum e diretto ad Addis Abeba si sono addormentati mentre volavano a undicimila metri di altezza, mancando l'atterraggio nella capitale etiope. Lo rivela la rivista specializzata Aviation Herald, secondo cui il traffico aereo ha cercato, invano, di contattare l'equipaggio dopo che avevano superato il punto di discesa all'aeroporto di Addis Abeba. I piloti dell'Ethiopian airlines si sono svegliati solo quando ha cominciato a suonare l'allarme del pilota automatico e a quel punto hanno iniziato le manovre per l'atterraggio del Boeing, avvenuto in sicurezza. L'episodio risale a lunedì scorso e la rotta da coprire era di meno di due ore.

Diverse le reazioni alla notizia, tra la comprensione per gli orari sempre più compressi dei lavori allo shock per il fatto che si fossero addormentati in volo. "Non darei la colpa all'equipaggio dell'Ethiopian in particolare - è una cosa che potrebbe accadere a qualsiasi equipaggio del mondo e probabilmente è accaduta... La colpa è della compagnia e delle autorità di regolamentazione", si legge in un commento sul sito web Aviation Herald.

Un altro utente ha suggerito che c'è solo una soluzione: "Licenziamento. Fine della storia. Punto e basta". Altri hanno visto il lato divertente della vicenda, commentando su Twitter: "Dormire sul lavoro porta a nuove altezze!". Un analista dell'aviazione, Alex Macheras, ha definito l'incidente "profondamente preoccupante": "La stanchezza dei piloti non è una novità e continua a rappresentare una delle minacce più significative per la sicurezza aerea a livello internazionale".