Italia Markets open in 6 hrs 10 mins

EUR/USD Analisi Fondamentale Giornaliera – Previsioni per il 12 gennaio 2018

Colin First

La coppia EUR/USD ha ricevuto una spinta dai verbali della BCE pubblicati ieri e probabilmente, per la prima volta da un mese a questa parte, a guidare il mercato è l’euro e non il dollaro USA. Il biglietto verde è rimasto stabile nel corso della settimana e continua a farlo su diversi mercati, ma a muovere l’euro sono i suoi fondamentali specifici.

EURUSD grafico orario

EUR/USD oltre 1,20

Ciò rappresenta un evidente cambiamento rispetto alle settimane precedenti, quando a spingere il mercato in rialzo è stato la perdita di forza del dollaro più che un rafforzamento dell’euro. La BCE ha evidenziato un miglioramento nei dati economici e nella situazione economica nell’eurozona, lasciando presagire un graduale cambiamento della politica monetaria. Pur trattandosi di qualcosa di cui il mercato era già al corrente, questa è la prima volta che alla riunione della BCE si discute di una graduale variazione della politica monetaria.

Questo contribuisce a sostenere l’euro poiché lascia presagire una possibile conclusione del Quantitative Easing prima della fine dell’anno e potrebbe anche anticipare un aumento dei tassi di deposito nell’anno in corso. Questo orientamento favorevole a una stretta monetaria indicato dai verbali della BCE ha contribuito a spingere la coppia oltre 1,20; nel momento in cui scrivo l’euro si attesta appena al di sotto della regione 1,2050 e sembra voler ancora una volta insidiare i massimi della gamma di oscillazione.

Nel resto della giornata non sono attese notizie economiche importanti dell’eurozona, ma dagli Stati Uniti in tarda giornata avremo i dati sull’inflazione e sulle vendite al dettaglio. Si tratta dei rapporti economici più pesanti e importanti dopo quello sull’occupazione, pertanto la volatilità dovrebbe aumentare fortemente. Se deluderanno le aspettative, allora l’atteso innalzamento dei tassi da parte della Federal Reserve potrebbe slittare, innescando una rottura dell’euro oltre 1,21.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: