Italia markets open in 4 hours 49 minutes
  • Dow Jones

    34.137,31
    +316,01 (+0,93%)
     
  • Nasdaq

    13.950,22
    +163,95 (+1,19%)
     
  • Nikkei 225

    29.048,53
    +539,98 (+1,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2047
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    44.057,41
    -2.476,91 (-5,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.226,10
    -36,86 (-2,92%)
     
  • HANG SENG

    28.668,98
    +47,06 (+0,16%)
     
  • S&P 500

    4.173,42
    +38,48 (+0,93%)
     

EUR/USD Contiene i Rialzi: Resistenza a 1,1985

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Il cambio EUR/USD è rimbalzato nel corso dell’ultima sessione portandosi nella serata di ieri a quota 1,1985 dopo essere partito nella sessione europea sotto quota 1,19.

Stamattina, alle ore 9:30, il cambio si trova a 1,1953 e l’indice del dollaro statunitense resta in lieve rialzo a 91,58 punti.

Il rimbalzo dell’euro, che tuttavia non suggerisce ancora una nuova onda rialzista, è avvenuto dopo le stime dell’Eurostat sui prezzi al consumo europei.

I dati Eurostat sull’Inflazone nell’Eurozona

I dati Eurostat hanno confermato l’inflazione nel mese di Febbraio 2021 intorno ai livelli attesi, del +0,9% su base tendenziale.

Il rialzo più elevato è quello causato dai servizi, a cui seguono i prodotti alimentari, tabacco e alcool e poi ancora i beni industriali non energetici.

I prezzi al consumo dei beni energetici si sono invece contratti del -0,15% circa.

Nell’intera Eurozona, l’inflazione è cresciuta del +1,3% su base annua, mentre il rialzo mensile è del +0,3%.

Previsioni giornaliere per il cambio EUR/USD

Il rialzo del Cambio EUR/USD non dovrebbe far ritenere agli investitori che la moneta unica stia tentando di rafforzarsi particolarmente sul dollaro statunitense.

Nel medio periodo, infatti, il lento progresso nelle campagne di vaccinazione (che ha subito una nuova frenata con il blocco di AstraZeneca), i lockdown europei e i ritardi nei Recovery Plans nazionali non possono che limitare qualsiasi corsa rialzista dell’euro.

Allo stato attuale, il cambio EUR/USD potrebbe muoversi tra 1,18 e 1,22, ma la frenata di quest’oggi dopo il rally di ieri fa già ritenere che il Fiber non sia in grado di approcciare rapidamente il valore di 1,20.

Per questa ragione, si fissa come prima resistenza la medesima di ieri, a 1,1985, che coincide anche con la media mobile esponenziale a 20 giorni.

Superati i due valori di 1,1985 e 1,20, allora il cambio EUR/USD potrebbe riportarsi verso l’EMA a 50 giorni a 1,2035. Il supporto resta invece fissato a 1,1880.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: