Italia markets close in 5 hours 36 minutes
  • FTSE MIB

    24.428,98
    -373,92 (-1,51%)
     
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,98 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,34 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • Petrolio

    64,56
    -0,36 (-0,55%)
     
  • BTC-EUR

    45.866,07
    -2.230,59 (-4,64%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.487,04
    -74,26 (-4,76%)
     
  • Oro

    1.838,60
    +1,00 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2171
    +0,0037 (+0,30%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.945,08
    -89,17 (-2,21%)
     
  • EUR/GBP

    0,8606
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0975
    +0,0041 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4727
    +0,0044 (+0,30%)
     

EUR/USD Indietreggia Sotto 1,19: Produzione Industriale Tedesca in Calo a Sorpresa

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Le decisioni di politica monetaria della BCE hanno permesso ieri al cambio EUR/USD di consolidare i suoi rialzi e superare la soglia di 1,19 per approcciare la nuova resistenza a 1,1950 che rappresenta il primo target di breve periodo.

Subito dopo, ci sarebbe il test di inversione di tendenza definitivo, abilitato dal superamento della soglia di resistenza a quota 1,1979.

La pressione sul cambio EUR/USD resta comunque elevata a causa dei rendimenti dei titoli statunitensi, che potrebbero rimbalzare nuovamente per allontanare il dollaro dai minimi relativi raggiunti recentemente.

Alle ore 9:00 di oggi, il cambio EUR/USD si trova a quota 1,1890, nuovamente sotto il livello di 1,19 ma ancora in fase rialzista.

L’indice del dollaro statunitense, invece, si trova in lieve rialzo a 92,3 punti.

Previsioni giornaliere sul cambio EUR/USD

La chiusura settimanale di quest’oggi si rivela particolarmente delicata per il cambio EUR/USD, considerando che, al netto delle rassicurazioni della BCE sul monitoraggio dei livelli di inflazione, le prospettive di ripresa per l’Eurozona restano deboli.

L’euro ha ripreso quota muovendosi verso i massimi delle ultime settimane ieri a 1,1927 per poi perdere lentamente quota sotto il livello di 1,19.

Come sopra accennato, il target di resistenza principale si trova vicino al livello di 1,1950 e più precisamente a 1,1947. Se il cambio EUR/USD dovesse superare questo valore, allora il prezzo potrebbe portarsi fino alla seconda soglia di 1,1988 o persino tentare di sfondare il livello psicologico di 1,20.

Di contro, un rafforzamento del dollaro statunitense potrebbe spingere il cambio EUR/USD nuovamente verso il supporto di 1,1860/65. Una chiusura settimanale verso questo livello di prezzo potrebbe aprire la strada la settimana prossima a nuovi ribassi anche sotto il livello critico di 1,18.

A poter influenzare negativamente sull’andamento della moneta unica, dopo gli stimoli di Fed e BCE, c’è oggi la produzione industriale in Germania, che ha mostrato un calo inatteso del -1,6% a Febbraio 2021, rispetto alle attese per un rialzo intorno al +1,5%.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: