Italia markets open in 4 hours 14 minutes
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,20 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,65 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.926,03
    +61,71 (+0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,1903
    -0,0021 (-0,18%)
     
  • BTC-EUR

    42.437,96
    +301,84 (+0,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.020,90
    +77,73 (+8,24%)
     
  • HANG SENG

    28.583,65
    -514,64 (-1,77%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     

EUR/USD sfiora il Supporto a 1,20 in Attesa del Bollettino BCE

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Il cambio EUR/USD continua a soffrire le debolezze della moneta unica europea e per questa ragione, per tutta la seduta di ieri, è rimasto intorno a quota 1,2030, per poi contrarsi ulteriormente.

Alle ore 8:30 di stamattina, il cambio EUR/USD ha raggiunto la soglia critica di 1,2006.

La fascia di supporto a quota 1,20 sta quindi ancora reggendo, ma il cambio EUR/USD potrebbe portarsi già nelle prossime ore in ribasso oltre questo valore.

Al di sotto, si trova innanzitutto la soglia di supporto a 1,1945, mentre l’EMA a 50 giorni per il cambio EUR/USD è a circa 1,2133, un valore oramai molto difficile da approcciare nel brevissimo periodo.

La volatilità in questo mercato è data dalle incertezze sulle misure di stimolo statunitense della prima fase dell’era Biden, ma è indubbio che il contesto macroeconomico degli USA sia sicuramente più solido di quello europeo.

A pesare infatti sul vecchio continente è in primo luogo il rallentamento nel piano vaccini, che comporta per gli analisti uno slittamento dell’eventuale ripresa economica, indipendentemente da quali misure di stimolo la BCE possa decidere di schierare per il futuro.

Gli appuntamenti odierni per il cambio EUR/USD

Con il cambio EUR/USD verso il valore chiave di 1,20, saranno numerosi gli appuntamenti da monitorare in queste ore.

In primo luogo, si attende con trepidazione il bollettino economico della BCE, che conterrà anche previsioni sul ritmo di ripresa dell’economia dell’Eurozona.

Dagli USA, giungeranno invece i consueti aggiornamenti sulle richieste di sussidi di disoccupazione, che rappresentano sempre un key driver per il dollaro statunitense.

Infine, si conosceranno anche le vendite al dettaglio dell’Eurozona, dopo i dati poco confortanti giunti alcuni giorni fa dalla Germania.

Come sempre, a influenzare il cambio saranno anche eventuali aggiornamenti sul piano vaccini e sulle misure di stimolo statunitense, con particolare riferimento, in questo  caso, all’entità del pacchetto predisposto dall’Amministrazione Biden.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: