Italia markets close in 8 hours 29 minutes
  • FTSE MIB

    24.691,46
    -52,92 (-0,21%)
     
  • Dow Jones

    34.077,63
    -123,04 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    13.914,77
    -137,58 (-0,98%)
     
  • Nikkei 225

    29.100,38
    -584,99 (-1,97%)
     
  • Petrolio

    64,08
    +0,70 (+1,10%)
     
  • BTC-EUR

    44.575,47
    -2.599,03 (-5,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.208,23
    -90,72 (-6,98%)
     
  • Oro

    1.769,10
    -1,50 (-0,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2074
    +0,0033 (+0,28%)
     
  • S&P 500

    4.163,26
    -22,21 (-0,53%)
     
  • HANG SENG

    29.109,09
    +2,94 (+0,01%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.019,91
    -13,08 (-0,32%)
     
  • EUR/GBP

    0,8620
    +0,0015 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,1043
    +0,0034 (+0,31%)
     
  • EUR/CAD

    1,5081
    -0,0000 (-0,00%)
     

EUR/USD Stabile a 1,1820: le Prospettive Rialziste Sono Molto Limitate

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Il Cambio EUR/USD si è contratto ulteriormente nel corso della serata di ieri, scendendo sotto quota 1,1820 mentre l’indice del dollaro statunitense è rimasto rialzista, ma senza toccare la resistenza critica a 92,7 dollari. Alle ore 7:50 di stamattina, il cambio si trova esattamente a 1,1820.

Come già accennato nella scorsa analisi, lo scenario più nettamente ribassista per il cambio EUR/USD sarebbe quello caratterizzato da un altro forte calo causato dal superamento della resistenza di 92,7 punti da parte dell’indice del dollaro statunitense.

Se il dollaro riuscisse a superare questa soglia, infatti, il suo rialzo potrebbe estendersi ulteriormente per portare di conseguenza il cambio EUR/USD anche sotto il livello di supporto più vicino a 1,18, che rappresenta anche una discreta fascia di supporto psicologica.

Previsioni giornaliere sul cambio EUR/USD

A pesare sull’euro, tra le altre cose, ci sono i vari lockdown nazionali nell’Eurozona, soprattutto nell’economia principale del continente, quella tedesca.

A ciò si aggiunge l’attuale andamento dei rendimenti statunitensi decennali, che nonostante alcuni lievi cali si mostrano ancora molto solidi e continuano ad attirare l’attenzione degli investitori a discapito di una moneta unica sempre meno virtuosa nel mercato internazionale.

Per questa ragione, il cambio EUR/USD si trova potenzialmente molto distante dalla fascia di di resistenza principale di 1,19 dollari, che potrebbe essere raggiunta solo dopo un solido rialzo oltre 1,1850, verosimilmente causato più da una frenata del dollaro che da una rinnovata fiducia degli investitori per l’euro.

Se però il valore di resistenza a 1,19 dovesse effettivamente essere intercettato, allora il cambio EUR/USD avrebbe modo di riprendere quota per allontanarsi dai minimi relativi degli ultimi giorni.

Di contro, un calo oltre 1,18 indicherebbe la prosecuzione di una tendenza ribassista molto pericolosa, dal momento che il gap alle spalle di quest’ultimo supporto potrebbe far correre rapidamente il Fiber verso nuovi minimi relativi a 1,1750.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: