Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,38 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,27 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    23.857,44
    +348,44 (+1,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0257
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8457
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9656
    -0,0058 (-0,60%)
     
  • EUR/CAD

    1,3100
    -0,0071 (-0,54%)
     

Euro, 20 anni fa iniziavano a circolare monete e banconote

·2 minuto per la lettura

Era il 1 gennaio del 2002 quando l'euro iniziò a circolare con banconote e monete nelle tasche dei cittadini di 12 Paesi dell'Unione europea. Undici di questi, Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna, furono i primi ad adottare la moneta unica il 1 gennaio del 1999, quando il suo utilizzo era 'invisibile' ai cittadini, perché legato esclusivamente a movimenti finanziari privi di denaro fisico. La Grecia entrò nel sistema unico due anni dopo, il 1 gennaio del 2001 e quindi in tempo per essere tra i primi a utilizzare l'euro dal giorno della sua circolazione fisica. In Italia l'euro venne adottato con un tasso di conversione pari a 1936,27 lire e per due mesi venne consentita la doppia circolazione, cioè si poteva pagare sia con la lira che con la nuova moneta unica.

Negli anni si sono aggiunti altri 8 Paesi della Ue, a partire dalla Slovenia nel 2007, poi Cipro e Malta nel 2008, la Slovacchia nel 2009, l'Estonia nel 2011 e infine la Lettonia nel 2014 e la Lituania nel 2015. Otto Stati membri della Ue ancora non adottano la moneta unica (Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Danimarca, Svezia e Romania) ma è prevista in futuro l'adesione una volta soddisfatte alcune condizioni necessarie. Altri sei Stati europei extra Ue hanno adottato l'euro, in seguito ad accordi o adozioni unilaterali: quattro sono i microstati Andorra, la Città del Vaticano, il Principato di Monaco e San Marino e gli altri sono Montenegro e Kosovo.

Tra le particolarità della moneta unica, c'è quella di una differenza di scelta estetica tra banconote e monete: mentre le prime sono uguali per tutti i Paesi, le monete hanno un lato comune e l'altro di competenza della singola nazione. Per questo, comprese quelle dedicate a eventi e commemorazioni, ci sono ad oggi ben 184 differenti monete in circolazione. Mentre le banconote, nel tempo, hanno subito alcune modifiche estetiche e una di queste, il formato da 500 euro, è stato ritirato dalla circolazione e non è più utilizzato.

Da oggi, per festeggiare i 20 anni della moneta unica, anche guardando al futuro legato a una sua versione digitale a complemento dei due formati fisici esistenti, la facciata della sede della Bce a Francoforte sarà illuminata con proiezioni a tema ogni sera, fino al 9 gennaio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli