Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,90 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,80 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,23 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    110,35
    +0,07 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    28.316,34
    +279,10 (+1,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,00 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,0567
    -0,0020 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,54 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8459
    -0,0022 (-0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,0294
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,3565
    -0,0003 (-0,03%)
     

Euro Dollaro, la Ripresa Post-Fed è Già Terminata

Il cambio euro dollaro è tornato a scontrarsi contro l’eccessiva pressione ribassista esercitata dal dollaro USA, dopo una brevissima pausa causata dalla conferenza stampa della Fed.

Jerome Powell, presidente della Federal Reserve, aveva infatti confermato l’aumento dei tassi del +0,5%, assicurando però che un nuovo rialzo non è all’orizzonte.

Dopo un lieve rialzo fino a 1,0625, il cambio euro dollaro ha lentamente perso quota per ritrovarsi nuovamente, al momento della scrittura, fin sotto il supporto principale di 1,05. L’indice del dollaro USA, invece, continua a muoversi sopra i 104 punti.

Previsioni sul cambio euro dollaro

Il cambio euro dollaro si è spinto fino all’attuale livello di 1,0485, infrangendo così la principale zona di supporto di breve termine. Non è escluso che il calo attuale possa rappresentare l’inizio di un break-out ribassista fino ai livelli tecnici successivi di 1,046 e 1,043.

Il supporto più lontano dal livello attuale si trova a 1,037, ma appare al momento salvaguardato dai valori intermedi sopra citati.

Al rialzo, invece, innanzitutto occorrerebbe tornare sopra l’area di 1,05 per mettere in sicurezza questo supporto e poi tentare di riportarsi nuovamente sopra 1,06.

A tal proposito, il cap rialzista può fissarsi a quota 1,09-1,10, poiché non si ritiene che il prezzo riesca rapidamente a invertire tendenza fino a questi valori. Non si può escludere però un’estensione dei rialzi almeno fino ai valori intermedi di 1,0650 e 1,07.

Nel brevissimo termine, guardando alla chiusura settimanale odierna, si ritiene invece che il prezzo possa riuscire eventualmente a riguadagnare il supporto di 1,05, senza rialzi più ampi.

Il calendario economico di oggi

Oggi si attendono le vendite al dettaglio italiane e i dati sulla disoccupazione e sugli stipendi negli USA, che potranno fornire indicazioni sui movimenti futuri del Fiber. Nella serata italiana, attenzione anche ai discorsi di Bostic e Williams, della Federal Reserve.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli