Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.212,96
    +575,77 (+1,76%)
     
  • Nasdaq

    12.131,13
    +390,48 (+3,33%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,07
    +0,98 (+0,86%)
     
  • BTC-EUR

    26.886,69
    -137,69 (-0,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    625,79
    -3,71 (-0,59%)
     
  • Oro

    1.857,30
    +3,40 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,0739
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.158,24
    +100,40 (+2,47%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8497
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0271
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,3655
    -0,0046 (-0,33%)
     

Euro Dollaro Prova a Ripartire, ma la Pressione è Ancora Eccessiva

Il cambio euro dollaro procede nella sua corsa ribassista, avendo aperto la settimana ancora stabile intorno al supporto di 1,055. Come già ribadito a più riprese, si tratta di un valore intermedio molto delicato, che sta evitando al Fiber un nuovo crollo dopo aver toccato i minimi degli ultimi cinque anni.

Sul fronte fondamentale, la pressione ribassista appare senz’altro giustificata, ma il prezzo si trova ancora in fase di ipervenduto e potrebbe dunque riprendere quota rapidamente.

A pesare particolarmente sono le conseguenze della guerra tra Russia e Ucraina per l’Eurozona e, questa settimana, le attese per l’incontro della Federal Reserve.

Al momento della scrittura, il cambio euro dollaro si trova esattamente a quota 1,05446.

Previsioni sul cambio euro dollaro

Sul finire della scorsa settimana, il cambio euro dollaro ha tentato un rialzo che non si è però concretizzato, nonostante il tentativo di spinta bullish. L’euro rimane ancora minacciato dal rischio di un nuovo crollo, ma come sopra accennato la ripresa potrebbe essere immediata, a causa dell’attuale livello di ipervenduto.

Al ribasso, i prossimi valori da identificare si trovano sotto 1,05 e precisamente a 1,0495 e a 1,0470. Un ribasso più ampio comporterebbe un break-out anche verso i nuovi minimi pluriennali di 1,0370.

Al rialzo, si attende invece un recupero almeno fino al target intermedio di 1,0578 dollari, che la scorsa settimana ha limitato la ripresa. Se il cambio euro dollaro dovesse riuscire a superare questa soglia di prezzo, ci sarebbe probabilmente spazio sufficiente per riuscire a riportare il Fiber anche verso il target di 1,065 ed eventualmente sopra 1,07.

Per un’inversione di tendenza, occorrerebbe però assistere a un rialzo più esteso e duraturo, almeno fino al livello di 1,0850.

Il calendario economico di oggi

Oggi attenzione ai dati PMI del settore manifatturiero di S&P per l’Italia, la Francia, la Germania e l’Eurozona nel complesso. Dall’Eurozona, giungeranno anche i dati sul sentiment economico.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli