FTSE MIB
21.819,48
+143,73
0,66%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
23.265,11
+147,39
0,64%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.703,00
+28,26
0,42%
^FTSE
Dax
9.548,68
+4,49
0,05%
^GDAXI
Dow Jones
16.501,65
0,00
0,00%
^DJI
S&P 500
1.878,61
+3,22
0,17%
^GSPC
Nikkei 225
14.495,57
+90,58
0,63%
^N225
Euro-Dollaro
1,3836
0,0004
0,03%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8233
0,00
0,00%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2199
0,0004
0,03%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5950
0,0002
0,03%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,6955
0,2339
0,17%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,6555
0,0123
0,14%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,4841
0,0248
0,05%
EURRUB=X
Petrolio gr.
101,97
0,03
0,03%
Genera grafico per CLM14.NYM
Gas naturale
4,71
0,00
0,06%
NGK14.NYM
Oro
1.292,10
+1,50
0,12%
GCM14.CMX
Argento
19,56
0,13
0,68%
SIK14.CMX
Rame
3,12
0,00
0,03%
HGK14.CMX
Grano
699,00
+2,50
0,36%
WN14.CBT
Mais
508,75
+1,50
0,30%
CN14.CBT
 

L'Europa vuole mettere nell'angolo la Gran Bretagna

L’approvazione del bilancio pluriennale Ue 2014-2020 sta diventando motivo di scontro. Herman Van Rompuy, presidente permanente del Consiglio europeo, nei giorni scorsi, ha presentato una bozza di bilancio che prevede tagli per 80 miliardi di euro. Francia e Italia hanno subito alzato la voce perché la sforbiciata sarebbe eccessiva; la Germania e la Gran Bretagna, invece, vorrebbero riduzioni ancora più consistenti.

La Germania preme perché le spese siano tagliate per circa 120 miliardi, mentre la Gran Bretagna minaccia di porre il suo veto all’approvazione se i tagli non saranno almeno di 200 miliardi. Una situazione che difficilmente si risolverà nel prossimo vertice di Bruxelles, in programma per il 22 novembre, anche perché per l’approvazione del bilancio pluriennale serve il voto unanime dei 27 Paesi membri. I funzionari Ue, perciò, hanno iniziato a lavorare su un piano per creare un bilancio a lungo termine senza il Regno Unito. A lanciare l’indiscrezione è stato il Financial Times che parla di “una mossa capace di mettere in luce la crescente difficoltà che la posizione della Gran Bretagna, in tema di tagli al bilancio, sta creando al resto dell’Eurozona”.

La questione è al vaglio degli esperti legali. Considerare questa ipotesi diventerebbe una sorta di tattica per mettere pressione al premier britannico David Cameron, sempre più legato a posizioni anti europeiste. E’ chiaro che se questa strada dovesse essere perseguita, le conseguenze per il rapporto tra Ue e Gran Bretagna potrebbero essere drammatiche, considerando che oggi si possono definire almeno tese. Alcuni funzionari del governo inglese, comunque, stanno studiando una soluzione che possa essere di compromesso. Si potrebbe raggiungere un accordo negli ultimi giorni utili, o anche nelle prime settimane dell’anno prossimo.

Le posizioni, per ora, sono molto distanti. Duecento miliardi di euro, rispetto agli ottanta proposti dall’Ue sono molti. Insomma, 120 miliardi di tagli un più rappresentano una cifra difficilmente superabile. Una soluzione, sempre nell’ipotesi in cui l’Ue volesse approvare il bilancio senza la Gran Bretagna, sarebbe quella di rendere l’approvazione del tetto di spesa su base annua. In questo caso, secondo la normativa europea, il voto necessiterebbe di una maggioranza qualificata, piuttosto che all’unanimità come richiesto del bilancio pluriennale.

Il presidente del Consiglio, Mario Monti, dopo l’ultimo incontro con il premier britannico, David Cameron, ha espresso posizioni differenti: “Siamo meno convinti rispetto alla Gran Bretagna della necessità di una consistente riduzione del bilancio europeo, proprio in un’ottica di efficienza economica e di scala delle politiche”. Cameron, quindi, non è riuscito a convincere l’Italia ad appoggiare la sua proposta di escludere qualsiasi aumento nominale del bilancio comunitario 2014-2020, al prossimo vertice Ue del 22 e 23 novembre.

Monti ha precisato, inoltre, che un taglio consistente rischia di essere controproducente, dal momento che “anche in risposta alla crisi economica e alla dinamiche globali sono stati trasferiti all’Unione europea compiti sempre maggiori che sono stati sottratti agli Stati. E’ naturale che, pur facendo grandissima attenzione al controllo delle spese, l’Ue debba essere dotata di risorse adeguate per svolgere efficacemente i compiti”.

La partita rimane aperta. Al governo Cameron 80 miliardi di tagli non bastano. E pazienza se in Francia si sono infuriati per la drastica riduzione dei fondi destinati alla Politica agricola comune. Londra vuole sborsare meno soldi. L’ambasciatore del Regno Unito presso l’Ue, Sir Jon Cunliffe, nei giorni scorsi ha chiesto un ulteriore intervento di riduzione dei costi, in particolare per gli stipendi e benefits dei funzionare dell’Unione europea.


Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!


Le ultime notizie

  • Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare
    Fiscal Cliff, corsa contro il tempo Yahoo! Finanza - ven 28 dic 2012 18:35 CET

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa … Continua »Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

    Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo.

  • Barack Obama torna alla Casa Bianca
    Stati Uniti, minaccia fiscal cliff Yahoo! Finanza - ven 21 dic 2012 14:42 CET

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti … Continua »Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

    Barack Obama torna alla Casa Bianca

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari.

  • Europa, ora il debito tedesco fa paura Yahoo! Finanza - mer 19 dic 2012 16:26 CET

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della … Continua »Europa, ora il debito tedesco fa paura

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco …

  • La mossa di Mario Draghi
    Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT Yahoo! Finanza - ven 14 dic 2012 14:52 CET

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore … Continua »Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT

    La mossa di Mario Draghi

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore della Banca Centrale Europea.

  • Che Mario Monti non sia Lohengrin?
    Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare … Yahoo! Finanza - mer 12 dic 2012 17:04 CET

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che … Continua »Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare …

    Che Mario Monti non sia Lohengrin?

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che aveva già avviato, come quella del riordino delle Provincie o la delega fiscale.