Italia markets close in 4 hours 35 minutes
  • FTSE MIB

    21.257,53
    -575,97 (-2,64%)
     
  • Dow Jones

    31.029,31
    +82,32 (+0,27%)
     
  • Nasdaq

    11.177,89
    -3,65 (-0,03%)
     
  • Nikkei 225

    26.393,04
    -411,56 (-1,54%)
     
  • Petrolio

    109,28
    -0,50 (-0,46%)
     
  • BTC-EUR

    18.288,61
    -1.159,03 (-5,96%)
     
  • CMC Crypto 200

    407,34
    -32,33 (-7,35%)
     
  • Oro

    1.810,90
    -6,60 (-0,36%)
     
  • EUR/USD

    1,0408
    -0,0036 (-0,34%)
     
  • S&P 500

    3.818,83
    -2,72 (-0,07%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.422,49
    -91,83 (-2,61%)
     
  • EUR/GBP

    0,8588
    -0,0023 (-0,26%)
     
  • EUR/CHF

    0,9981
    +0,0016 (+0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,3439
    -0,0020 (-0,15%)
     

Europarlamento: ok a obbligo auto a zero emissioni nel 2035

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Bruxelles, 8 giu. (askanews) - La plenaria del Parlamento europeo ha approvato, oggi a Strasburgo, la proposta della Commissione europea di rendere obbligatoria entro il 2035 l'immissione sul mercato Ue di auto e furgoni nuovi a zero emissioni, che decreta sostanzialmente la fine dei veicoli a combustione interna. L'Aula ha approvato la misura con 339 voti favorevoli, 249 contrari e 24 astensioni.

Due settimane fa, la commissione Ambiente del Parlamento aveva appoggiato la proposta della Commissione europea, ma il Ppe, con l'appoggio della destra conservatrice, aveva presentato due emendamenti che chiedevano di applicare l'obbligo di emissione zero al 90% del parco auto nel 2035, lasciando ancora sul mercato una quota del 10% di veicoli con motori a combustione interna. Gli emendamenti non prevedevano una scadenza finale per questa deroga, prospettando quindi la possibilità che esistano ancora auto con motore termico nel 2050, in contraddizione con l'obiettivo della neutralità climatica (zero emissioni nette) fissato per quella data.

I due emendamenti del Ppe e della destra conservatrice, pressoché identici, sono stati respinti oggi dalla plenaria con 264 voti favorevoli, 328 contrari e 10 astenuti

La logica del divieto per il 100% del parco auto nuove è proprio quella di evitare che nel 2050 continuino a circolare le vecchie auto a combustione interna, presumibilmente ancora numerose nel 2035, che hanno un ciclo di vita di circa 15 anni.

Inoltre, come aveva spiegato il relatore del Parlamento europeo per questa misura, l'olandese Jan Huitema (Renew), l'obbligo al 2035 dovrebbe "rafforzare l'innovazione, dare chiarezza ai costruttori e stimolare la produzione di più modelli di auto a zero emissioni, con la creazione di un mercato di auto elettriche di seconda e terza mano", in modo da renderle accessibili a tutti, anche ai redditi più bassi, e "non solo ai ricchi".

Il voto della plenaria dà ora un mandato negoziale al Parlamento europeo per trovare, insieme alla Commissione, un accordo con il Consiglio Ue, dove potrebbero esserci ancora resistenza all'obbligo di emissioni zero per le auto nel 2035, prima dell'approvazione finale della misura.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli