Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.124,91
    +319,70 (+1,29%)
     
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,20 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.548,00
    +159,80 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,17
    +0,26 (+0,36%)
     
  • BTC-EUR

    28.560,29
    +865,74 (+3,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    786,33
    -7,40 (-0,93%)
     
  • Oro

    1.802,10
    -3,30 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1770
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     
  • HANG SENG

    27.321,98
    -401,86 (-1,45%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.109,10
    +50,05 (+1,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8561
    +0,0014 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0819
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0003 (+0,02%)
     

Eurostat: in Italia 631 mila lavoratori sono pendolari tra una regione e un'altra

·1 minuto per la lettura

Eurostat: in Italia 631 mila lavoratori sono pendolari tra una regione e un'altra

Nel 2020 tra i 192 milioni di lavoratori dell'Unione Europea di età compresa tra 15 e 64 anni oltre 12 milioni di persone (il 6% del totale) hanno fatto i pendolari per lavorare, un dato in lieve aumento rispetto al 2019.

A dirlo è l'ultimo report Eurostat che descrive come il tasso più alto di pendolarismo regionale nel 2020 è stato registrato in Belgio, dove il 21% degli occupati ha attraversato un confine regionale per andare a lavorare. Altri Paese dove il pendolarismo è abbastanza comune sono i Paesi Bassi (13%), la Lituania, la Germania, l'Austria (tutte all'11%) e la Danimarca (10%).

Le persone si spostano per lavoro anche in altri Paesi. Nel 2020 2 milioni di lavoratori (l'1% del totale), hanno fatto i pendolari dalla propria regione di residenza a un altro Paese, in lieve calo rispetto al 2019.

Il tasso più elevato di pendolarismo transfrontaliero per lavoro a livello nazionale nel 2020 è stato registrato in Slovacchia, dove il 5% delle persone occupate si è recato per lavoro in un altro Paese, seguito da Estonia, Lussemburgo e Croazia (3% ciascuno).

Guardando all'Italia possiamo vedere come nel 2020 126 mila lavoratori hanno lavorato tra l'Italia e un altro Paese, quasi 22 milioni si sono spostati giornalmente rimanendo all'interno della propria regione mentre i pendolari tra una regione e un'altra sono stati 631 mila.

Per leggere il report completo, cliccare qui.

LEGGI ANCHE: Quanti sono i giornalisti attivi in Europa?

Seguici sul nostro canale Telegram ufficiale per ricevere in tempo reale notizie dal mondo del lavoro e della formazione.

Federica Privitera

Autore: We Can Job. Per approfondimenti su formazione e lavoro visita il sito Wecanjob.it.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli