Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    50.832,05
    -1.128,41 (-2,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Eurozona: inflazione resterà volatile, la view di Mirabaud AM

Daniela La Cava
·1 minuto per la lettura

"I dati sull'inflazione nell’Eurozona rimarranno volatili". A dirlo Gero Jung, capoeconomista di Mirabaud Asset Management che spiega che "dopo un forte aumento registrato all'inizio dell'anno, le pressioni inflazionistiche continuano a scendere. In seguito al balzo di gennaio, l'indice dei Prezzi al Consumo dell'Eurozona ha seguito un percorso in discesa a marzo, attestandosi sotto l'1% su base annua". Guardando più nel dettaglio, l'ultimo calo è dovuto principalmente a una minore variazione dei prezzi dei beni core (allo 0,3% su base annua), mentre l'inflazione dei prezzi dei servizi è salita all'1,3%. Nel frattempo, con l'aumento dei prezzi dell'energia, i dati dell'Indice dei Prezzi al Consumo - che include le categorie più volatili dei prezzi dell'energia e del cibo - sono leggermente aumentati. "In futuro, è probabile che i dati continueranno ad essere volatili. Per esempio, il cambiamento dei pesi usati per calcolare l’inflazione, avvenuto all'inizio del 2021, sarà un fattore importante", spiega ancora l'esperto secondo il quale la riduzione del tasso dell’Iva in Germania al 16%, attuata tra luglio e dicembre dello scorso anno, avrà un peso importante nel corso dell'anno attraverso un effetto base. Un altro elemento che avrà un impatto negativo, afferma Jung, sull’Indice dei Prezzi al Consumo di quest'anno è la normalizzazione dell'inflazione dei prezzi dell'abbigliamento dopo il forte aumento dell'anno scorso.