Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,68 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,67 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,06 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    46.714,82
    -4.921,59 (-9,53%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    -2,90 (-0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,61 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1009
    -0,0024 (-0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,4977
    -0,0033 (-0,22%)
     

Eurozona: a marzo migliora l'indice PMI composito segnando il valore più alto da luglio 2020

Alessandra Caparello
·1 minuto per la lettura

A marzo l’attività economica della zona euro migliora. L'Indice IHS Markit PMI della Produzione Composita segna 53,2 punti, in salita rispetto a 48,8 il valore più alto da luglio dello scorso anno. In salita anche l’indice dei servizi che si è attestato su 49,6 punti rispetto ai 45,7 punti del precedente mese di febbraio. "A marzo, l'attività economica dell'Eurozona ha indicato un rimbalzo, tornando a crescere dopo quattro mesi di contrazione e segnando un'espansione ancora più forte dei dati previsionali dell'ultima stima flash - afferma Chris Williamson, Chief Business Economist presso IHS Markit commentando il dato -. "L'indagine quindi presenta un'economia che ha superato le recenti restrizioni molto meglio di quanto previsto, e questo grazie al rinnovato slancio di crescita del manifatturiero ed ai segnali che il distanziamento sociale e i vincoli sui movimenti stanno esercitando sui servizi effetti molto inferiori rispetto a quelli dello scorso anno. Questa resilienza suggerisce non solo quanto le aziende ed i loro clienti puntino lo sguardo verso tempi migliori, ma anche quanto si siano sempre più adattate a convivere con il virus".